ESCLUSIVA - Mauro (Il Messaggero): "Non so se la Juve possa cambiare, ha già fallito tutte le occasioni"

15.10.2022 09:15 di Emanuele Pastorella   vedi letture
ESCLUSIVA - Mauro (Il Messaggero): "Non so se la Juve possa cambiare, ha già fallito tutte le occasioni"
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it

Insieme ad Alberto Mauro, firma de Il Messaggero, abbiamo analizzato il momento della Juventus e le sensazioni in casa bianconera a poche dal derby della Mole. Ecco cosa ci ha detto.

Impaurita o carica, che Juventus ti aspetti contro il Toro?
"Mi aspetto una Juve in linea con le ultime uscite, non so se questo mini ritiro possa aver sortito degli effetti. Tra Maccabi, Milan e Monza, lo standard delle prestazioni è sempre stato lo stesso: una squadra in difficoltà, che a tratti sparisce, che non impone il gioco, che fatica a fare gol ed è fragile in difesa, senza personalità e senza leader. E' probabile che si riveda una Juve simile. La speranza è, che trattandosi del derby, dopo le parole di Agnelli e il punto più basso toccato ad Haifa, cambi qualcosa. Il problema è che ci sono state tante occasioni per reagire, ma la Juve le ha fallite tutte".

Quali potrebbero essere le scelte di Allegri?
"Può prendere decisioni su pià livelli: da un punto di vista fisico, cercando di soppesare la stanchezza dopo l'impegno di Champions, oppure dall'aspetto mentale, cercando chi è più motivato e chi sta più dalla sua parte. In ogni caso, tutta la squadra è in difficoltà e sta giocando al di sotto delle potenzialità. Vedremo se ci saranno scelte a sorpresa: Bremer me lo aspetto in campo, mentre Bonucci è un dubbio. In mediana, bocciati sia Locatelli che Paredes che McKennie, è diffiicle individuare un titolare inamovabile…dico Rabiot. In attacco Vlahovic non è troppo in forma, vedremo se giocherà. In ogni caso, abbiamo visto tutte le soluzioni e la Jve è sempre stata più o meno la stessa"

Come valuti il cammino del Toro?
"E' una squadra abbastanza solida, che superato le problematiche dell’estate e le ruggini dell'allenatore con un mercato intelligente. Ma ho anche la sensazione che potesse fare di più, perché ha vissuto qualche passaggio a vuoto e qualche occasione persa. Il Toro, però, è squadra che sa quello che vuole, che ha un'identità di gioco e che ha accolto giocatori che hanno fatto la differenza nelle prime giornate e andranno valutati sull'intera stagione. I granata possono giocarsi il sorpasso sulla Juve, è una squadra che può e che deve puntare all’Europa"

Chi può essere l'uomo derby bianconero e quello granata?
"Fatico a trovare un uomo derby della Juve, devo essere sincero: forse Rabiot è il più in forma, ma mi piacerebbe che a decidere la stracittadina possa essere un giovane come Miretti o magari l’ex Bremer. Nel Toro sono abituato a dire Belotti, ma ormai è il passato: a questo punto dico Radonjic o Vlasic".