Toro: i più e i meno dopo la Samp. Attacco da rivedere

07.10.2013 10:28 di Marina Beccuti   vedi letture
Toro: i più e i meno dopo la Samp. Attacco da rivedere
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport

Legenda: - - prestazione da dimenticare; - sotto lo standard abituale; 0 nella norma; + prestazione ottima;  + + straordinario

Padelli: + due prodezze nel primo tempo, non proprio immune da colpe sul raddoppio doriano, annullato da Gervasoni, fornisce sicurezza alla squadra con buone uscite.

Darmian: + Inizia bene, poi passa al centro con l’uscita di Bovo, si destreggia bene in entrambi i ruoli, mai mi è sembrato in difficoltà. Personalmente tra i migliori oggi.

Bovo: 0 esce subito per infortunio.

Glik: -  due errori segnano la sua partita (gol di Sansone e quello di Pozzi, poi annullato), e purtroppo gli episodi contano, specialmente quando si giocano partite cosi combattute. Incolpevole sul rigore, anche se con un pochino in più di esperienza, la caduta di Eder, era piuttosto prevedibile.

Moretti: 0 incerto sul gol di Sansone, forse poteva stringere prima sull’ex granata. Partita giocata con la solita intensità e saggezza.

D'Ambrosio: + nel primo tempo sembra quasi risentire del passaggio sulla fascia destra, e gioca non proprio benissimo. La ripresa è di tutt’altra intensità,  cresce con il passare dei minuti e trova il rigore con un’azione superba. Non so se è da nazionale, ma è sicuramente da Toro. La società faccia quello che deve fare. Esce per crampi.

Vives: - non proprio il giocatore che ti aspetti di vedere dopo le prime buone uscite. L’ho trovato piuttosto confusionario, specialmente in fase d’impostazione, anche se continua a dare un buon apporto in fase difensiva. Deve dare di più.

Brighi: 0 brutto per tutto il primo tempo, recupera palloni, ma non sempre li gioca come dovrebbe. Meglio, anzi molto meglio quando il Toro cambia modulo, anche perché forse in quel centrocampo si sente più responsabilizzato.

El Kaddouri: - tra i migliori per 25’, salta l’uomo e trova subito una buona intesa con Pasquale. Il resto della sua partita, vale a dire altri 30’ sono però da dimenticare.

Immobile: 0 il peggiore in campo fino al gol. Ha ragione però Ventura a tenerlo in campo, infatti, trova la sua prima rete in granata, anche lui sembra aver beneficiato del cambio di modulo, senza però toccare mai i vertici che è lecito aspettarsi da lui. Il gol salva la sua prestazione.  

Cerci: + il miglior Cerci a Genova si vede con l’entrata di Meggiorini, perché gli permette di tornare a giocare nella fascia destra dove è veramente incontenibile. Sembra una banalità, eppure è cosi. Sbaglia un gol che sembrava quasi fatto, ma bravissimo anche Da Costa che resta in piedi sino all’ultimo secondo. Segna il terzo rigore della stagione.

Pasquale: + entra dopo sei minuti e fornisce una buona prestazione che riscatta l’errore contro il Milan. Più portato ad attaccare che non a difendere, mette dentro due buoni palloni non sfruttati dai compagni. Nella ripresa cala vistosamente, anche perché il cambio di modulo lo costringe a stare più sulle sue.

Meggiorini: 0 quasi un tempo per dimostrare di poter essere importante per questa squadra. Si vede pochissimo, ma ha il merito indiretto di riportare Cerci sulla fascia giusta. Da buona posizione sparacchia fuori,  ma con il gol non ha mai avuto una grande confidenza.

Maksimovic: 0 pochi minuti per esordire nella massima serie italiana. Almeno sappiamo che esiste.

Classifica dopo la settima giornata:

 7 punti: Cerci,

5 punti: D’Ambrosio,

4 punti: Padelli,

3 punti: Darmian,

2 punti: Moretti, Bovo,

1 punto: Glik,

0 punti: Basha, Bellomo, Brighi, Vives, El Kaddouri, Pasquale,

-1 punto: Immobile, Masiello, 

-2 punti: Larrondo, Meggiorini,

-4 punti: Farnerud, Rodriguez,