Toro: i più e i meno dopo il Napoli. Un Dover… la vittoria del Napoli

Legenda: - - prestazione da dimenticare; - sotto lo standard abituale; 0 nella norma; + prestazione ottima; + + straordinario.
18.03.2014 14:32 di Marina Beccuti   vedi letture
Fonte: Flavio Bacile per TorinoGranata
Toro: i più e i meno dopo il Napoli. Un Dover… la vittoria del Napoli
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it

Padelli: + chiamato poche volte in questione. Diciamo, quasi spettatore per 80 minuti, poi una paratona su Mertens, e l’intervento non completamente riuscito in occasione del gol di Higuain, ma forse era difficile fare meglio.

Maskimovic: 0 molto bravo in fase difensiva, concede pochissimo agli avanti azzurri, in palese difficoltà quando invece deve accelerare sulla fascia. Di più non gli si poteva chiedere, fare il terzino non è proprio il suo pane quotidiano. Un buon ritorno comunque.

Bovo: 0 comincia male, prendendosi un cartellino giallo per un intervento che un centrale non deve mai fare, specialmente in una zona di campo, che mai può portare pericoli. Cresce con il passare dei minuti, colpisce anche il legno con un tiro dalla distanza, ma non raggiunge, a mio parere, quello che può essere il suo livello di gioco. Comunque positivo.

Glik: 0 alla fine il capitano perde un solo duello con il bomber argentino, al 90' minuto, con un evidente fallo commesso dall’attaccante. Non mi sento di penalizzarlo, in fondo sbaglia l’arbitro, non lui. Vero che in qualche occasione è sembrato in affanno senza alcun motivo valido, ma aveva di fronte il Napoli, non propriamente l’ultimo in classifica.

Moretti: 0 gioca la sua solita partita, anche se si fa trovare alcune volte fuori posizione, vedi l’imbucata di Callejon nel primo tempo. Recupera comunque palloni importanti e non si tira mai indietro. Da applausi alcuni suoi interventi. Bravo, ma può fare di meglio.

Darmian: 0 nella sostanza dei difensori è quello che mi è piaciuto di meno. Solido in difesa, anche se soffre la fascia sinistra, ma quasi inconsistente in fase offensiva. Meglio nella ripresa, chiama Reina ad una parata importante, ma il suo apporto offensivo rimane piuttosto limitato.

Kurtic: - partita difficile da definire la sua. Tanta quantità, infatti è praticamente ovunque, pochissima qualità, sbaglia la stragrande maggioranza dei palloni che gioca, specialmente alcuni contropiedi che poteva essere gestiti meglio. Serve ad Immobile un assist al bacio, ma è l’unica giocata di qualità della sua partita.

El Kaddouri: 0 se non fosse stato egoista nelle occasioni che contano, avrebbe fatto una partita degnissima, specialmente nella prima parte del match. Invece non perde il vizio, è questo, è sicuramente un limite non da poco per un giocatore che ha del talento.

Tachtsidis: 0 non mi è dispiaciuto, e nemmeno mi ha fatto entusiasmare. Primo tempo ottimo, ripresa da rivedere. A differenza di Vives dà più brio alla manovra, ma è molto meno incisivo in fase di copertura.

Barreto: - purtroppo il peggiore del Toro. Non un tiro in porta, non un'azione degna di un attaccante. Fornisce a Meggiorini un buon pallone, a completamento di una splendida giocata corale, ma è il suo unico squillo. Sostituito al 53’ da Immobile.

Meggiorini: + il migliore in campo. Corsa, sacrificio, volontà, ed un pochino di sfortuna in occasione del palo colpito. Più che un attaccante vero e proprio, un tuttofare dal centrocampo in avanti. Purtroppo non ha l’istinto del bomber, un vero peccato perché avrebbe meritato il gol.

Immobile: - ha due occasioni per cambiare il match, le sbaglia entrambe. Nella prima, dopo una splendida cavalcata, invece di servire al centro Cerci, tira sulle gambe di Reina appostato sul primo palo. La seconda è anche peggio. Servito al centro dell’area di rigore da Kurtic, sparacchia alto di prima, quando avrebbe avuto il tempo di stoppare il pallone e di piazzare comodamente il colpo.

Cerci: 0 entra negli ultimi minuti, prova a fare qualcosa, ma la squadra sembra piuttosto stanca, e pensa più a difendere che ad offendere.

Basha: 0 dieci minuti sono pochi per esprimere un giudizio, anche se non mi è sembrato molto in palla, sprecando alcuni palloni che sembravano facili da gestire.

Considerazione sulla partita: poche e direi anche semplici. Il Toro ha giocato meglio del Napoli, ha creato più dei campani e meritava di vincere. L’ennesimo errore assurdo della classe arbitrale ai danni dei Toro, è la conferma, che il calcio italiano è un calcio malato. Servono medici capaci, cambiamenti radicali, ed una classe arbitrale diversa come nomi, ed atteggiamento. I migliori devono andare avanti, e gli arbitri devono essere giudicati da tutti, tranne che dai designatori. Ci vogliono arbitri giovani che fischiano gli stessi falli per tutti, basta con i  giudici di linea che non vedono cose colossali, o che vedono cose inesistenti, tipo il fallo di mano di Glik a Napoli, e non la trattenuta gigantesca su Glik con il Bologna, basta con chi, a scapito del regolamento, con un giocatore fratturato in campo, non ti permette di fare la sostituzione, basta con chi ammonisce un giocatore falciato in area rigore, per poi magari confutargli anche tre giornate di squalifica, basta con chi non vede un giocatore in fuorigioco di un metro, basta con tante cose che fanno solo male al calcio. Doveri ha sbagliato tanto, direi troppo. Falli non fischiati a favore del Toro, vedi ad esempio un fallo su Cerci completamente ribaltato, falli fischiati a sfavore inesistenti, ammonizioni ritardate per i giocatori del Napoli, con la ciliegina sulla torta di un gol clamorosamente falsato a causa di un fallo evidente, direi molto di più che evidente, di Higuain su Glik. È la fine del calcio, se ne devono rendere conto i signori che gestiscono il calcio italiano. Se ci sono stadi vuoti, la colpa non è solo della crisi, questo è evidente, non possono tirarsi fuori da questo. Ora aspettiamo i commenti dei soliti parrucconi, di fatto, se il calcio italiano non cambia, e non fa pulizia, muore.

Classifica dopo la nona di ritorno: 

14 punti: Moretti,

13 punti:   Cerci, 

10 punti:  Padelli,

9 punti:     Darmian,

8 punti:     Glik, Immobile,

4 punti:    Basha, Maksimovic,

0 punti:   Gomis, Tachtsidis, Meggiorini,

-1 punto:  Masiello, Bovo, 

- 2 punti: Vives, El Kaddouri,

- 3 punti:  Larrondo, Rodriguez,

-4 punti:  Gazzi, Farnerud, Kurtic,

- 5 punti: Pasquale,

- 6 punti: Barreto,