Torino, partenza sprint

23.08.2009 09:08 di Marina Beccuti   vedi letture
Torino, partenza sprint
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Giacomo Morini

La squadra granata, dopo la sconfitta contro il Livorno, si è rifatta a Grosseto, grazie ai suoi uomini chiave, un lusso per la B, Di Michele e Bianchi che si sono scambiati i favori nei loro rispettivi gol, con doppietta del bomber bergamasco. Questi due giocatori possono davvero fare la differenza nel campionato cadetto, effettivamente troppo forti per le difese avversarie. Una coppia che in A farebbe bene, anzi avrebbe potuto cambiare il volto offensivo del Toro se De Biasi non avesse chiuso frettolosamente le opportunità a Di Michele. Ma ora è giusto guardare avanti e il Toro è partito con il piede giusto, però non deve crogiolarsi sui suoi numeri uno, ma mantenere l'umiltà per tutto il campionato, soffrendo su ogni pallone e cercando di essere sempre un gruppo unito che lavora per il bene del Toro. 

Di Michele ha sottolineato tutto questo nel dopo partita, dimostrando il suo sacrificio a rimanere in granata, dove si sta calando nel ruolo di leader, quello che mancava al Toro da anni. Senza le due primedonne dell'anno scorso, Rosina e Dzemaili, il Toro a Grosseto ha dimostrato di poterne fare a meno, gli insoddisfatti non servono a nulla, anzi creano problemi umorali negli spogliatoi. Dunque, dopo la salutare cessione di Rosina allo Zenit, ora occorre accontentare anche lo svizzero, soldi importanti per le casse granata. In fondo non si ha l'impressione che sia proprio un figliol prodigo, il Toro l'ha portato in nazionale, l'ha lanciato in serie A e la ricompensa è stata la sua voglia di cambiare aria per la retrocessione in B, complice anche il lungo e non sempre sportivo corteggiamento del Palermo.