Torino, giustizia è stata fatta

07.12.2010 08:58 di Marina Beccuti   vedi letture
Torino, giustizia è stata fatta
TUTTOmercatoWEB.com

Serve protestare? Per chi non ci crede e pensa che usare il fair play sia il modo migliore per farsi le proprie ragioni sbaglia e per una volta Lerda ha avuto ragione a tuonare contro l'arbitro Tozzi. Ovviamente i due punti persi per la punizione di Brienza che si è stampata in rete non saranno restituiti, ma è stato invece riconosciuto l'errore dell'arbitro e pertanto è stata annullata la seconda ammonizione a Pratali, che non è stato squalificato. Il Torino aveva fatto ricorso d'urgenza e l'ha vinto. Rimane il rammarico che forse in undici contro dieci i granata avrebbero potuto portare a casa l'intera posta in palio, ma almeno è stata riconosciuta la non colpevolezza di Pratali.

Il difensore toscano potrà così giocare a Trieste lunedì sera, una presenza importante non solo perchè il giocatore sta vivendo un momento di forma eccellente, ma perchè molto probabilmente sarà assente Garofalo, operato al naso, il quale però rischia uno stop più lungo per la distorsione al ginocchio che potrebbe interessare anche i legamenti. Il tutto da verificare nei prossimi giorni.

Già assenti Bianchi e Rubinho, ora tocca anche a Garofalo marcare visita in infermeria e si sa quanto sia importante il suo supporto nella difesa granata. Con Pratali a disposizione, D'Ambrosio che ha scontato il turno di squalifica, il Torino dovrà fare a meno di De Vezze a centrocampo, squalificato. Un gran peccato perchè il centrocampista romano era diventato il bomber della squadra con le due reti segnate a Piacenza e all'Olimpico contro il Siena, che non sono servite alla vittoria, ma hanno portato due punti.

La cosa che salta meglio all'occhio negli ultimi tempi è la certezza che Lerda abbia in mano il gruppo e che lo stia gestendo nel migliore dei modi. Mai fino ad ora si era visto un Torino così compatto e in grado di far ruotare i giocatori in ruoli anche diversi, adattandosi alle esigenze del momento. Ci è piaciuto il Lerda "incazzato", deciso a far valere le sue ragioni. La calma è la virtù dei forti, ma qualche volta ci vuole anche il bastone.