Torino-Genoa, le pagelle: Zaza ancora negativo, il Gallo trasforma il rigore decisivo

02.12.2018 17:26 di Alex Bembi  articolo letto 5936 volte
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Torino-Genoa, le pagelle: Zaza ancora negativo, il Gallo trasforma il rigore decisivo

Sirigu 6: giustiziato da due passi da Kouamè senza poter opporre resistenza, per il resto si limita a qualche uscita aerea sicura.

De Silvestri 6: non corre pericoli in difesa e si fa vedere anche nell’altra metà campo con alcuni cross interessanti. (dal 59’ Ola Aina 6: buone giocate offensive soprattutto puntando sulle accelerazioni).

Izzo 6,5: grande concentrazione alla sua prima da ex. Efficace in marcatura e gagliardo sull’anticipo.

N’Koulou 6: il muro del Toro è sempre elegante ed efficace, tranne in qualche raro momento in cui eccede in sicurezza. L’ammonizione presa è figlia di uno di questi e sarebbe stata evitabile se non avesse perso la palla per un virtuosismo di troppo.

Djidji 6: buona prova anche se non è chiamato a grossi compiti di marcatura per la sterilità del Genoa soprattutto dopo l’uscita di Piatek, si ricicla come regista difensivo impostando spesso la manovra e non disdegna proiezioni offensive dimostrandosi duttile.

Ansaldi 7: trova un gol molto importante, centrando l’angolino basso con un bel fendente, in un momento in  cui il Toro ne aveva gran bisogno. Mette in campo anche tanta qualità e tanti cross di pregevole fattura. E quando Iago Falque passa dalle sue parti, sono scambi e giocate d’alta scuola.

Rincon 6: onesta gara da frangiflutti davanti la difesa.

Meité 6,5: presenza importante e ormai indispensabile nella mediana granata, si nota per il suo fisico e per la qualità delle giocate. Gli avversari devono fermarlo spesso con le cattive. (Dal 74’ Baselli sv).

Iago Falque 6,5: si muove tantissimo, si propone, vuole la palla. Insomma gioca da leader e anche se non trova la giocata vincente personale, si procura il rigore mettendo in crisi Sandro con le sue finte in area finchè il brasiliano non lo stende. (Dal 85’ Parigini sv: fa in tempo a servire una palla d’oro a Zaza, ma il compagno spreca tutto).

Zaza 5: ci prova, ma non è ancora parte essenziale dei meccanismi di questa squadra. Anche lui si accorge di essere un po’ un pesce fuor d’acqua, diventa nervoso e becca un cartellino che poteva anche essere di colore diverso dal giallo per un’entrata scellerata. Nel finale ha due occasioni da rete limpide, ma non è davvero il suo momento e le fallisce miseramente.

Belotti 6,5: torna al gol trasformando un rigore, seppur con un brivido. Dal dischetto non è un cecchino, ma oggi gli va bene. Meno bene in occasione del vantaggio genoano quando non sale insieme ai compagni e tiene in gioco Kouamè per il provvisorio 0 a 1. Ha anche un altro paio di occasioni, soprattutto quel colpo di testa forte e ben calibrato che Radu gli respinge con un ottimo intervento.

Alex Bembi