Qualità sudamericana per il motore del Toro?

11.06.2012 08:54 di Marina Beccuti   vedi letture
Fonte: Roberto Fadda per TorinoGranata
Qualità sudamericana per il motore del Toro?
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Luigi Gasia/TuttoJuveStabia.it

Ormai  è risaputo che la settimana prossima il ds del Torino sarà in Sudamerica per cercare di chiudere, o mettere almeno al sicuro, diverse trattative che permetterebbero al Toro di aumentare il proprio tasso qualitativo e tecnico soprattutto nel reparto nevralgico del centrocampo. A quanto risulta in Argentina Petrachi  porterà avanti di persona i discorsi iniziati a gennaio, l’augurio di tutti i tifosi è che riesca a definire l’acquisizione di alcuni talenti purissimi e dotati di gran qualità. Sono  tre i nomi caldi che potrebbero presto indossare la maglia granata, non appena si sarà riusciti a liberare i posti riservati ai giocatori extracomunitari.


Conosciamo meglio chi sono i giocatori che interessano al Toro:
- GUIDO HERNAN PIZARRO:  Club Atlético Lanùs , 22 anni, centrocampista centrale, destro.
Molto bravo nelle verticalizzazioni, ha grandi qualità tecniche e un’ottima visione di gioco. Regista classico, ha un calcio pulito, abile sia sul lungo che sul corto, recapita palloni precisi ai compagni grazie ad un destro educatissimo. Non disdegna di rendersi pericoloso nell’area avversaria con inserimenti e tiro da fuori anche se la sua propensione naturale è quella di mettere i propri compagni nella condizione migliore di concludere a rete servendo assist di qualità. E’ comunitario ma le richiesta della società argentina al momento sono molto elevate, quasi 4 milioni per l’acquisizione dell’intero cartellino.

- PATRICIO  JULIAN RODRIGUEZ:  Independiente de Avellaneda,  22 anni, esterno sinistro/trequartista,  destro.
Tecnica individuale importante, è un brevilineo che fa della qualità e della rapidità le sue caratteristiche principali. Esterno alto a sinistra è abilissimo nell’uno contro uno e grazie alla sua classe può spesso spostarsi in mezzo per creare gioco o cercare la conclusione personale. Si esalta sull’esterno sinistro con le sue giocate, la sua fantasia e la tecnica ma è un generoso che cerca sempre l’assist per i compagni. Calciatore che sarebbe ideale per il gioco del mister e che potrebbe fare la differenza, se riuscirà ad esprimere tutto il suo calcio, permettendo un salto di qualità al Toro. 

- ROGELIO GABRIEL FUNES MORI : River Plate,  21 anni, punta  centrale, destro. E’ un centravanti atipico perché unisce un discreto senso del gol alla sua velocità di base. Rapido ed imprevedibile, calcia indifferentemente con entrambi i piedi e grazie ai suoi centimetri fa del gioco aereo uno dei suoi punti di forza. L’altezza però non gli impedisce di mostrare la sua abilità nel giocare la palla, partecipare alla manovra e di esibire una coordinazione  che gli permette di finalizzare bene l’azione. 


Dopo la missione in Argentina non è escluso che il Ds del Toro si sposti più a nord  per parlare con la squadra cilena dell’Universidad  Católica di un altro profilo che piace molto alla società granata. Il giocatore in questione è :
- FRANCISCO ANDRES SILVA GAJARDO: Universidad  Católica, 26 anni, centrocampista centrale, destro.
Centrocampista centrale dalle caratteristiche difensive, ha grandi qualità tecniche. Bravo nell’interdizione, unisce una sublime tecnica individuale alla capacità di impostare bene l’azione. Una delle sue qualità principali è quella di giocare sempre ad uno, due tocchi. Altra sua peculiarità è la velocità che ne consente l’utilizzo in alcuni casi sulle corsie laterali. In questi ultimi due anni ha dimostrato grande continuità di rendimento e affidabilità. Temperamento latino, è un leader nato e ciò è dimostrato dalla fascia di capitano indossata quest’anno. Vanta due convocazioni con la nazionale cilena.


Giocatori giovani e di valore che se arrivassero permetterebbero al Toro di fare uno step decisivo verso la costruzione di una squadra di qualità che possa finalmente ridare soddisfazioni a tutto il popolo granata in serie A.