Parma-Torino, le pagelle: Berenguer inguardabile, Baselli un gran primo tempo

06.04.2019 17:06 di Alex Bembi   Vedi letture
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
Parma-Torino, le pagelle: Berenguer inguardabile, Baselli un gran primo tempo

Sirigu 6: spettatore non pagante nel primo tempo, un bell’intervento nella ripresa.

De Silvestri 5,5: poteva proporsi un po’ di più contro una squadra che mirava al pari dal primo minuto. Poco aggressivo.

Izzo 6: non sarà la partitona di tre giorni fa, ma fa il suo con tranquillità.

N’Koulou 6: pochi rischi dalle sue parti, il Parma oggi non è quasi mai incisivo in attacco.

Moretti 6: a 38 anni suonati si fa tre partite in una settimana e buona parte di quella odierna con una vistosa fasciatura per una testa che gli apre il sopracciglio. Ma lui, proprio come sugli avversari che marca, non molla di un centimetro. Gladiatore.

Ansaldi 6,5: tra i migliori nel primo tempo, con la sua qualità riesce sempre a creare qualcosa dalla fascia sinistra. (dal 57’ Zaza 5: non è tranquillo psicologicamente, si denota dalla sua voglia di fare eccessiva che lo porta a sbagliare le cose più semplici e a reagire con frustrazione, diventato fallosissimo).

Rincon 5,5: ammonito dopo due minuti, costretto a giocare col freno a mano tirato e poi tolto dal campo per primo. Giustamente. (Dal 68’ Parigini 5: pesa sulla pagella il grave errore sul contropiede pericoloso in cui riesce ad aprire il campo ad un tre contro uno, i suoi compagni sono praticamente soli davanti a Sepe attendono solo un semplice passaggio lui invece sceglie di calciare da posizione un po’ più defilata e centra il portiere avversario).

Meité 6: il fisico c’è, ma sembra sempre molto macchinoso. Nessuna giocata da ricordare, poco più che il compitino.

Baselli 6,5: un gran primo tempo fatto di recuperi difensivi eccellenti e giocate che lo portano anche vicino al gol, con un tiro dopo bella triangolazione che esce di pochissimo. Cala un po’ nella ripresa, come tutto il Toro anche se ha un’altra opportunità che va fuori di poco.

Berenguer 5: tantissimi errori, poca concretezza. Forse gioca fuori ruolo (anche se lui stesso ammette di preferire il trequartista), ma così è abbastanza inutile.

Belotti 5,5: si nota pochissimo, sempre accerchiato, soverchiato anche negli stacchi dove di solito impera. Una buona sponda per Berenguer che calcia a lato la cosa migliore di un match non da ricordare.

Alex Bembi