Mazzari furioso con il sistema, ma ammetta qualche errore suo. Perchè il Toro non vince e Belotti non segna?

29.10.2018 09:12 di Marina Beccuti Twitter:   articolo letto 3740 volte
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Mazzari furioso con il sistema, ma ammetta qualche errore suo. Perchè il Toro non vince e Belotti non segna?

Il Mazzarri furioso, come l'Orlando. Che si lamenta in modo un po' esagerato perchè Fabbri non ha ammonito Hugo e si fa espellere. Poi il rigore su Belotti, che non è parso poi così evidente come poteva sembrare al tecnico granata, che non ha finito la partita in panchina, bensì negli spogliatoi. Non è la prima volta che viene espulso, sono 25 volte che gli arbitri lo sbattono fuori, magari se la cava con una multa, ma è recidivo. Cairo ha supportato la sfuriata del suo allenatore, ma poi ha sottolineato che è più utile che un allenatore stia in panchina che negli spogliatoi.

Che il Toro sia preso di mira dagli arbitri è un fatto evidente, ma se vuoi sostituirti a loro non la prendono bene. Mai permettersi di criticarli, sono una corporazione solida, a volte sbagliano in malafede, altre perchè sono umani, altre perchè incapaci. Ma forse è meglio che Mazzarri pensi più a migliorare la sua squadra che ad avventarsi sugli arbitri. Non è un gran simpaticone, è conosciuto per essere un po' lamentoso, dice che la sua squadra gioca bene, ma resiste ancora solo un tempo. Anche sabato contro la Fiorentina. Ha fatto un buon primo tempo, ai punti poteva anche vincerla questa partita, ma nella ripresa il Toro ha subito qualcosa in più dai viola, anche se ha sempre tenuto in mano le redini del gioco. Ma non è una Fiorentina trascendentale quella attuale, basta considerare il pareggio assai stitico della scorsa settimana, al Franchi, contro un ottimo Cagliari.

Tutti si lamentano di Belotti che improvvisamente è diventato scarso e non segna più, anzi non tira nemmeno nello specchio della porta. Belotti non è un fuoriclasse, parafrasando il commento di Ezio Rossi, ma nemmeno uno scarso come quello attuale. Deve trovare un allenatore che lo faccia giocare nella sua posizione, ovvero da prima punta, che venga fornito di palloni giocabili e non che debba fare chilometri per andarseli a prendere 'sti maledetti palloni. Si dà sempre da fare in campo, ma il suo non è il ruolo del jolly, bensì deve stare davanti alla porta. Non vale cento milioni, lo sapeva prima e lo sa adesso, cancelli quella clausola e riparta da una nuova percezione, è un ottimo attaccante ma deve essere messo nelle condizioni di esserlo. Possibile che una squadra che ha Zaza, Falque e Belotti fatichi a segnare? Possibile che l'unico centravanti cattivo in campo, Zaza, che ha forza e tecnica, debba entrare alla fine del secondo tempo? Si può comprendere a Bologna, dove arrivava da un infortunio, ma contro la Fiorentina è stato un regalo ai viola tenerlo in panchina, così Soriano e Parigini.

Mazzarri furioso dovrebbe esserlo anche con se stesso e le tempistiche sbagliate dei suoi cambi, sempre ritardati. Pioli, che non è un fulmine di allenatore, ha fatto dei cambi decenti e nel secondo tempo ha messo maggiormente in difficoltà i granata. Mazzarri gioca un solo tempo perchè non ha questo acume di leggere e porre rimedio a partita in corso. E' conservativo, fin troppo, e adesso i giocatori li ha, li ha voluti, ha il presidente dalla sua, non deve perdersi d'animo. Ma non deve cercare alibi. Gli arbitri non determinano mai un risultato completamente, se non in alcune occasioni dove possono andare in confusione, ma non tutte le mancate vittorie del Toro sono conseguenza di un arbitraggio sbagliato, ma di errori tecnici, di scelta, di cambi sbagliati, di qualcosa che non va e al quale occorre rimediare.