Colantuono il decisionista

17.07.2009 08:52 di Marina Beccuti   vedi letture
Colantuono il decisionista
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Federico De Luca

Essere etichettato come sergente di ferro non gli piace, ha in parte la mimica di Mazzone, il maestro per eccellenza di chi ha grinta e carattere da vendere. Stefano Colantuono lo stiamo conoscendo adesso nel suo modo di porsi, mai banale, soprattutto sincero. Come fermarsi a spiegare ai due tifosi che Rosina va rispettato oppure decidere che la fascia di capitano è meglio darla a Di Michele. La cosa che ha destato più interesse nella prima amichevole che il Toro ha disputato ieri contro gli Altipiani è stato proprio il fatto che Rosina ha lasciato il ruolo di capitano a Di Michele. Questo potrebbe voler dire molte cose: che il fantasista calabrese alla fine se ne andrà (forse allo Zenit?), oppure, dopo la chiacchierata fatta alcuni giorni fa con il mister, la decisione di far sentire più importante Di Michele perchè aiuti la causa granata in serie B.

Sul fronte mercato oggi potrebbe essere la giornata decisiva per il futuro di Dzemaili, ma abbiamo tanto atteso altre giornate decisive che poi non si sono dimostrate tali. Come ad esempio l'arrivo di Italiano, che pare in alto mare ma che potrebbe sbloccarsi da un momento all'altro. Un po' come la solita telenovela estiva di Lucarelli al Livorno, che alla fine ha raggiunto l'epilogo finale.

Italiano sembrava essere stato ceduto al Padova, ma c'è ancora un margine di trattativa per portare il clivense a Torino (che vuole solo il granata), magari cambiando obiettivo allo scambio: non più Saumel, bensì Zanetti. Sartori sembra non volere l'austriaco, adducendo dubbi sulle sue condizioni fisiche, ma anche Zanetti è reduce da un'operazione al ginocchio, per cui entrambi non possono ancora forzare. Tra qualche ora la verifica, se sarà un normale venerdì di routine oppure ci saranno movimenti di mercato interessanti.