Pedullà contro Allegri, gode dei media a suo favore

03.04.2024 17:02 di Marina Beccuti Twitter:    vedi letture
Pedullà contro Allegri, gode dei media a suo favore
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it

A poco più da una settimana al derby di ritorno, tiene ancora banco la situazione di Max Allegri alla Juve, che rimane inviso alla tifoseria bianconera, nonostante la vittoria di ieri contro la Lazio in Coppa Italia. Così si è scagliato contro il tecnico juventino Alfredo Pedullà, editorialista di SportItalia ed esperto di mercato.

"All’improvviso il responsabile del momento nero della Juventus si chiama Nikola Sekulov. Assurdo. Un ragazzo del 2002, di professione attaccante, buttato colpevolmente bella mischia da Allegri nei minuti finali della sfida di sabato scorso all’Olimpico. Dopo aver escluso, altrettanto colpevolmente, sia Chiesa che Kean per la solita interpretazione da “tutti dietro” che non fa onore alla storia e al blasone della Juve. Quindi, Sekulov avrebbe dovuto coprire meglio su Marusic al minuto 93 per non consentirgli di girare di testa in solitudine. Quindi, per spiegarsi meglio, Nikola avrebbe dovuto fare il veterano e lo smaliziato in una squadra squinternata e senza mezza idea. Complimenti. Dispiace soprattutto che la spiegazione sia di un ex allenatore che per trascorrere meglio il tempo (non gratuitamente) si è buttato su un microfono per commentare in attesa che si riapra – quando? – una possibilità per tornare su una panchina Serie A dopo anni luce di assenza. Questa “copertura mediatica” nei riguardi di Allegri è inconcepibile e offende chi ha un po’ di sale in zucca per ragionare da solo senza farsi condizionare da giudizi senza senso. Allegri aveva tre attaccanti a disposizione, non si degna mai di far giocare Chiesa e Yildiz in coppia. E poi si rifugia nella superficialità di chi ha trascorso gli ultimi 20 minuti (non solo quelli…) in apnea, dovrebbe avere un rigore contro (nettissimo il fallo su Zaccagni) e continua a trattare la Juve come la peggiore delle provinciali. Il concetto è sempre lo stesso: prima verrà dato il benservito ad Allegri, meglio sarà".