Mantova, Lori: "Vorrei che domenica fosse una festa"

21.05.2010 10:11 di Giulia Borletto   vedi letture
Fonte: La Stampa
Mantova, Lori: "Vorrei che domenica fosse una festa"
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Matteo Bursi

Si nasce incendiari e si muore pompieri. Questione di tempi e di vedute, ma per Fabrizio Lori la partita tra Mantova e Torino ha cambiato radicalmente toni, modalità e soprattutto prospettiva. Da sfida incandescente per andare in serie A a ultimo treno per non finire in C: tutto nel giro di quattro anni, dalla vittoria per 4-2 al Martelli nella calda notte dell'8 giugno 2006 alla lunga vigilia del match di domenica pomeriggio. «Di acqua sotto i ponti ne è passata - commenta il presidente biancorosso - e adesso vorrei tanto che Mantova-Torino fosse solo una festa per i tifosi e una bella partita per chi andrà in campo. Non ha senso alimentare un clima di paura, odio e tensione: per me e per il Mantova la partita sarà basilare soltanto perché ci giochiamo la salvezza. Nessuno cerca vendette o rivincite col Toro: quello che è successo, è successo». Un messaggio di distensione tradotto anche nei fatti. Lori si è battuto in prima persona col prefetto e il questore di Mantova per non bloccare la vendita dei biglietti ai tifosi del Toro e nella riunione di ieri con le forze dell'ordine ha ribadito il concetto. «È giusto che i granata siano presenti a Mantova - spiega - e che possano sostenere la loro squadra che sta lottando per la promozione. A parti inverse sarebbe stata un'ingiustizia».