Toro non sprecare tempo: nessun calcolo e nessuna strategia, conta solo il punto

18.05.2021 10:30 di Elena Rossin   Vedi letture
Fonte: Elena Rossin
Toro non sprecare tempo: nessun calcolo e nessuna strategia, conta solo il punto
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport


Ci sono dei diffidati, Belotti, Lukic Buongiorno, Vojvoda e Linetty, e degli infortunati, Gojak e Murru, ma a due partite dalla fine del campionato e con la salvezza non ancora conquistata il Torino non può permettersi calcoli o strategie. Basta un punto per restare in Serie A ed è banale dirlo però prima viene conquistato e meglio è. Per questo i granata non possono non sfruttare l’occasione di questa sera del recupero con la Lazio. E pace se è allenata da Simone Inzaghi che magari cercherà di fare di tutto per vincere in modo da favorire il fratello Pippo che è alla guida del Benevento per regalargli l’ultima residua chance di lottare con la sua squadra per non retrocedere nell’ultima partita, guarda caso con il Torino.

La Lazio non ha più nulla da chiedere al suo campionato è sesta a otto punti dalla quinta per cui non può raggiungere la Juventus ed è avanti di sei lunghezze alla Roma che non può raggiungerla e se anche Lotito vorrebbe togliersi la soddisfazione di battere il Torino del rivale Cairo conta di certo più la motivazione di Simone, ma bisogna vedere quanto i giocatori biancocelesti si sentano motivati per questa partita tenuto anche conto che l’11 giugno inizierà l’Europeo e chi fa parte delle rispettive Nazionali non vorrà correre il rischio di farsi male o di stancarsi troppo per una gara che all’atto pratico non porta nulla alla Lazio.

Il Torino in questa partita ha solo da perdere se non giocherà dando tutto e pazienza se fra cinque giorni avrà l’eventuale  scontro diretto con il Benevento perché potrebbe essere ininfluente se questa sera conquistasse quel maledetto-benedetto punto. Farsi sfuggire quest’occasione per giocarsi tutto nell’ultima partita sarebbe da incoscienti. Troppo rischioso rimandare contando sul fatto che i tre punti di vantaggio sul Benevento permettono di avere due risultati utili su tre perché se qualche cosa andasse storto la classifica avulsa premierebbe i sanniti in virtù dei punti che avrebbero fatto negli scontri diretti. Lo sa Nicola e lo sanno i giocatori, come anche la dirigenza, per cui nessun calcolo e nessuna strategia e andarsi a prendere subito quel punto. Meglio tenere ben a mente il modo di dire “Per un punto Martin perse la cappa” e il Toro non può per un punto perdere la Serie A, sarebbe imperdonabile dopo che già tanti punti sono stati colpevolmente lasciati per strada e avendo a disposizione ben due match point.