Toro in Europa League, molto più complicato di cinque anni fa

Il Parma venne escluso dalle coppe il 29 maggio. Oggi ancora non c'è nessuna certezza e ci sarà poco tempo per preparare il debutto
18.06.2019 21:30 di Federico Danesi   Vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Toro in Europa League, molto più complicato di cinque anni fa

C'è una differenza abissale tra la qualificazione all'Europa League del Toro cinque anni fa e il probabile (ma non certo) ripescaggio adesso. Allora infatti il Parma venne escluso dall'Alta Corte del Coni (e poi successivamente dal TAS) il 29 maggio 2014, quasi due mesi prima del debutto granata nei Preliminari. Perché la prima partita, quel Toro dia Giampiero Ventura, la giocò il 31 luglio in trasferta contro il Brommapojkarna, praticamente un'altra amichevole estiva. Oggi invece è tutto terribilmente più complocato. Siamo al 18 giugno e ancora nessuna notizia ufficiale, sul ripescaggio, quindi sulla partenza del ritiro. Unico dato certo, il debutto in Coppa il 25 luglio, sempre al terzo turno. Venti giorni, se va bene, per preparare la prima partita ufficiale della stagione, con una rosa che almeno all'inizio nell amni di Walter Mazzarri a Bormio non sarà quella definitiva e con giocatori che godranno di vacanze supplementari (pensiamo solo a Rincon, ora impegnato in Copa America). Come a dire che non su annuncia una passeggiata.