Scordare la goleada dell'andata per provare a ribattere l'Atalanta

Rientri in difesa per Darmian e Ogbonna. Dubbi in attacco se continuare a puntare sulla coppia Meggiorini-Barreto o dare spazio a Bianchi o eventualmente fin dall'inizio a Jonathas.
14.02.2013 12:46 di Elena Rossin   vedi letture
Fonte: Elena Rossin per TorinoGranata.it
Scordare la goleada dell'andata per provare a ribattere l'Atalanta
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Giuseppe Celeste/Image Sport

Ventura parte avvantaggiato su Colantuono per la sfida di domenica pomeriggio perché oggi ha tutti i giocatori a disposizione, tranne D’Ambrosio che dovrà scontare un turno di squalifica per somma di ammonizioni; mentre l’allenatore dei bergamaschi non potrà contare su Bonaventura e Biondini fermati anche loro per un turno dal giudice sportivo e su Cigarini alle prese con l’infortunio ai legamenti della caviglia sinistra e forse pure su Carmona che è influenzato. Il vantaggio c’è, ma non basta per considerare la sfida una passeggiata domenicale perché l’Atalanta vorrà cancellare con una super prestazione il secondo tempo dell’andata che si trasformò in un incubo con i granata che, senza particolari sforzi, passarono dal pareggio alla dilagante vittoria per cinque a uno.

Il Torino tornerà al passato in difesa con Darmian che riprenderà il suo posto da terzino destro visto che D’Ambrosio è squalificato e con Ogbonna ormai del tutto guarito dall’infortunio che si piazzerà come di consueto a fare con Glik da diga davanti a Gillet, mentre nel ruolo di terzino sinistro rispetto all’andata ci sarà Masiello e non D’Ambrosio. In mediana dovrebbe essere riconfermato, per quello che ha fatto vedere nell’ultimo periodo, il duo Brighi-Gazzi, peraltro già in campo nello stadio Atleti Azzurri d’Italia. Altri cambi invece sono previsti in attacco non sugli esterni che almeno all’inizio saranno i soliti Cerci e Santana, ma la coppia di punte centrali non sarà, come avvenne a settembre, formata da Bianchi e Sgrigna, quest’ultimo passato al Vicenza, bensì quella composta da Meggiorini e Barreto, sempre che Ventura non decida di sbaragliare un po’ le carte e dare una chance al capitano, anche per testarlo al fianco del brasiliano, oppure che fin dall’inizio non giochi la carta Jonathas puntando sulla fisicità dell’ex pescarese.

In classifica fra Torino è Atalanta c’è un solo punto di differenza in favore dei granata e questo scontro diretto rappresenta una tappa decisamente importante per raggiungere prima possibile la salvezza, obiettivo di entrambe le squadre. Oltre tutto la giornata di campionato propone anche altri scontri diretti fra formazioni che vogliono mantenere la categoria: Chievo-Palermo e Pescara-Cagliari, senza dimenticare che il Bologna dovrà affrontare il Catania, il Genoa l’Udinese, la Sampdoria il Napoli e il Siena la Lazio. Da un turno con questi intrecci la classifica nella parte destra potrebbe mutare abbastanza con la possibilità di vedere un maggiore divario o un’ammucchiata di tutte le squadre in poco più di una manciata di punti. Ecco perché vincere in questa giornata ha un valore maggiore, non permetterà a nessuna squadra di passare nel lato sinistro, però i tre punti saranno l’obiettivo da raggiungere per chi come il Torino vuole assestarsi in una posizione tranquilla al più presto.