Per il mercato di gennaio nessun azzardo

29.12.2020 06:02 di Marina Beccuti Twitter:    vedi letture
Per il mercato di gennaio nessun azzardo
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Image Sport

Il Torino, fermo restando la fiducia in Giampaolo, deve fare un mercato di gennaio intelligente. Che vuol dire che devono arrivare i giocatori adatti al gioco del mister. Salvo poi non esonerarlo se le cose non andranno bene. Come dire che, se il mercato di gennaio sarà quello di dare al tecnico di Bellinzona quanto lui desidera, poi non si potrà più cambiare mister in corsa. Altrimenti sarà un disastro. Forse sarebbe stato più semplice, come fanno quasi tutte le squadre, di cambiare l’allenatore, prendendo un sostituto adatto al gioco attuale, così da non snaturare l’identità della squadra. Ma il Toro vuole perseguire il progetto di Giampaolo e così sia.

Sul mercato però bisogna agire bene, prendendo giocatori che già conoscono il campionato italiano e siano adattabili subito e non dopo qualche mese. Quindi i nomi esotici che piacciono sempre, ma restano degli azzardi, è meglio lasciarli al mercato estivo. Conviene scegliere gente di qualità, che sappia dettare i tempi al centrocampo, si adatti alla difesa a tre, e crei, palla a terra, e non solo con verticalizzazioni, per permettere un gioco più fluido. La cosa che funziona meglio è l’attacco, grazie a Belotti, ma bisogna permettere a tutti di segnare, a Verdi, a Bonazzoli, a Zaza, se resterà. Nainggolan è una ciliegina sulla torta, Torreira rimane sempre un nome caldo e anche Ramirez. Vecino rimane una scommessa per i suoi infortuni, Krunic è ancora un incompiuto, ma sono tutti nomi validi cui pescare, sapendo che comunque conoscono bene il calcio italiano e sanno come destreggiarsi.

Fare sacrifici economici per ridare una classifica tranquilla al Toro.