Le pagelle di Torino-Udinese: Belotti è tornato al gol e Sirigu ha fatto la differenza

24.06.2020 00:11 di Elena Rossin   Vedi letture
Fonte: Elena Rossin
Salvatore Sirigu
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
Salvatore Sirigu

Sirigu: 7,5 Non gli ha procurato guai il tiro di Strygen Larsen perché è finito sul palo scheggiandolo (14’). Provvidenzialmente in tuffo ha spinto fuori dallo specchio la palla calciata al volo da Fofana dal limite (26’). De Maio l’ho ha graziato colpendo male di testa da distanza ravvicinata e mandando la palla sul fondo (27’). Senza problemi ha fermato il tiro cross di De Maio (34’). In controtempo è riuscito a intervenire mettendoci la mano e impedendo che De Maio di testa segnasse (42’). Un rilancio non perfetto ha sbattuto su Okaka, ma la palla è finita fuori (51’). Su pressione di Lasagna si è un po’ complicato la vita non rinviando subito, ma alla fine ha risolto il tutto rifugiandosi in calcio d’angolo (64’). Ha fatto sua la palla senza problemi su tiro dal limite di Jajalo debole e centrale (90’). E’ uscito tempestivamente anticipando Bacao (95’). Il migliore e così ha festeggiato la centesima partita con il Torino facendo guadagnare tre punti.

De Silvestri: 6 All’inizio Sema lo ha fatto un po’ patire, ma con il passare dei minuti è andata meglio. Come in tante altre occasioni ci ha messo impegno senza incappare in errori. Avrebbe forse potuto spingere un po’ di più.

Izzo: 6,5 Una partita senza sbavature e con interventi precisi. Lo scontro con Semir per fortuna non gli ha procurato conseguenze (43’). E’ intervenuto a risolvere una situazione che stava divenendo complicata e portata avanti da Lasagna, che aveva fatto una finta a De Silvestri (89’).

Nkoulou: 6,5 E’ tornato ad essere il giocatore autorevole che tanto si era apprezzato. Puntuali i suoi interventi.

Bremer: 6,5 Pulito negli interventi, come già con il Parma, ha disputato una partita positiva andando più volte in anticipo.     

Edera: 6,5 La sua spinta sulla trequarti è stata ripagata infatti è stato lui a fornire a Belotti la palla per il gol (16’). Ha segnato, ma prima l’arbitro erroneamente aveva fischiato per una presunta spinta di Zaza ai danni di due giocatori avversari e quindi il suo gol non è stato valido. Si è fatto ammonire ingenuamente per aver ritardato la ripresa del gioco (39’). Ha fatto passi avanti rispetto alla gara con il Parma facendo parecchio movimento e sfoderando qualche spunto parecchio interessante. (Dal ‘65 Aina 6. Ha regalato un calcio d’angolo all’Udinese con un retropassaggio sbagliato per Sirigu (82’). Si è rifatto poi con un paio di chiusure precise).

Meïté: 6,5 Forza fisica e anche qualche buona giocata. Pare rinato. 

Rincon: 6 Subito una bella incursione con doppio passo e traversone per Edera, ma la difesa friulana ha evitato pericoli allontanando (5’). Tanto lavoro in mezzo al campo da buon “General”. La brutta caduta dopo un contrasto aereo per fortuna non gli ha causato problemi (78’).  

Berenguer: 6 Ha patito un po’ Strygen Larsen che più volte gli ha portato via la palla, soprattutto in avvio. Buono il ripiegamento difensivo su Fofana (58’). Su azione di contropiede ha messo in mezzo per Belotti che ha controllato male (80’). Nessun acuto particolare, ma neanche errori, é stato un po’ meno un furetto rispetto alla gara con il Parma.

 Zaza: 5,5 Si è sacrificato andando spesso in copertura e svolgendo così un lavoro prezioso, anche se questo ne ha precluso l’apporto in attacco. (Dal ‘75 Lukic: n.g.)   

Belotti: 6,5 Si è subito rifatto dopo l’errore dagli undici metri con il Parma. In un contrasto con Mandragora, intervenuto sulla palla, gli è rimasta la caviglia destra sotto il corpo, ma dopo l’intervento dello staff medico è rientrato (14’) e subito dopo ha segnato sbloccando il risultato sfruttando un bel pallone servitogli da Edera e da posizione defilata ha battuto Musso (16’). Partita generosa la sua come tante altre con ripiegamenti a dare una mano ai compagni in fase difensiva. Impreciso il controllo su imbeccata di Berenguer e così Musso è riuscito a uscire sventando ogni pericolo (80’). Si è visto negare il gol dal portiere dell’Udinese che ha respinto i suo tiro dopo che aveva controllato in area (89’).

Moreno Longo: 6,5 Il grande lavoro che sta facendo è stato ripagato dalla prima vittoria, partite come queste in precedenza il Torino le perdeva e invece pur soffrendo questa l’ha vinta. Ha confermato l’undici che aveva pareggiato con il Parma tre giorni fa e la squadra ha condotto la partita stando nella propria metà campo e chiudendosi quasi sempre bene, anche quando l’Udinese pressava e poi ripartendo provando a fruttare la qualità dei suoi giocatori migliori. Nel filale c’è stata parecchia sofferenza, ma questa volta non sono stati commessi errori fatali, anche grazie al solito Sirigu. Quando nel corso della ripresa ha sostituito Edera con Aina (65’) ha mutato un po’ l’assetto infoltendo il centrocampo con Berenguer con compiti quasi da interno. E poi è andato a proteggere l’uno a zero inserendo Lukic al posto di Zaza (75’) in modo anche da sdoganare Berenguer affinché potesse dare supporto a Belotti.

UDINESE: Musso: 6; De Maio: 5,5 (dal ‘76 Becao: n.g.); Nuytinck: 6,5; Samir: 5,5 (dal ‘76 Teodorczyk: n.g.); Strygen Larsen: 6; de Paul: 6; Mandragora: 6,5 (dal ‘55 Jajalo: 5,5); Fofana: 6; Sema: 6,5 ; Okaka: 5 ; Nestorovski: 5 (dal ‘55 Lasagna: 5).
Luca Gotti: 6.

Arbitro Fabio Maresca: 4 Ha fischiato erroneamente prima che Edera spedisse la palla in porta per una presunta spinta di Zaza a Samir e Nuytinck, che erano intervenuti e avevano finito per scontrarsi tra di loro. Il Var non è potuto intervenire proprio perché l’arbitro aveva fischiato prima del tiro di Edera (30’). Ci stavano invece le ammonizioni a Meïté per un fallo (19’), a Edera per aver ritardato la ripresa del gioco (39’), a Fofana per fallo da dietro su Belotti (65’) e a de Paul per un fallo su Izzo (85’).