Le pagelle di Juventus-Torino: il gol di Belotti ha solo illuso, in miglioramento Verdi, ma male Lyanco

04.07.2020 20:07 di Elena Rossin   Vedi letture
Fonte: Elena Rossin
© foto di www.imagephotoagency.it
Le pagelle di Juventus-Torino: il gol di Belotti ha solo illuso, in miglioramento Verdi, ma male Lyanco

Sirigu: 6 Dybala ha segnato dopo tre minuti saltando Lyanco e eludendo Izzo, il derby per lui è iniziato subito male. Bentancur su sviluppo da calcio d’angolo di testa non ha inquadrato precisamente lo specchio della sua porta (13’). Ha respinto un pallone calciato di potenza da Ronaldo dall’interno dell’area e poi la rovesciata di Bernardeschi è finita alta (19’). Il tiro di Bernardeschi con il destro non gli ha complicato la vita poiché è finito sull’esterno della rete (25’). Non è riuscito ad evitare che Cuadrado da posizione defilata segnasse il secondo gol (30’). Ronaldo ha calciato male la punizione facendola finire sul fondo (35’). Ha fatto sua la palla sul tentativo di Dybala di servire di prima Bentancur (44’). Ha dovuto evitare che Ronaldo non approfittasse di un retropassaggio un po’ avventato di Ola Aina (46’). La conclusione a giro di Douglas Costa è finita di pochissimo fuori (56’). E’ stato spiazzato sulla conclusione di Danilo dalla deviazione di Bremer, ma il tiro seppur di pochissimo è finito fuori (59’). La punizione battuta da Ronaldo ha scavalcato la barriera e si è infilata sotto la traversa senza che riuscisse pur intuendo ad arrivarci (61’). Cuadrado lo ha graziato con un tiro sul fondo (64’). A mano aperta ha respinto il tiro a giro con il mancino di Dybala (67’). Higuain anziché calciare verso la sua porta ha tirato la palla in curva (83’). Djidji lo ha beffato intervenendo in spaccata sul traversone di Douglas Costa (87’). Ha salvato la porta su tiro ravvicinato di Douglas Costa (88’).   

De Silvestri: 6 Non è sempre stato preciso nei cross, ma ci ha messo l’anima. Ha intuito bene l’intenzione di Rabiot di servire Danilio ed è intervenuto recuperando palla (6’). Danilo gli ha deviato un traversone fatto dopo che aveva ricevuto da Izzo (9’). Si è visto intercettare un cross da Danilo, ma ha guadagnato un angolo (17’). Non è riuscito ad arrivare sulla punizione calciata in mezzo da Berenguer (48’). Ha cercato di servire Belotti al limite dell’area, ma il numero 9 è stato anticipato da de Ligt (63’). Di testa su rimessa laterale lunga di Aina ha mandato di poco  fuori (66’). Buono il cross per Aina che si è fatto anticipare da Cuadrado (69’). Ha crossato per Belotti che non ha arpionato (76). (Dall’‘81 Edera: n.g. Una conclusine potente sul primo palo è stata intercettata da Buffon (82’)) . 

Izzo: 5,5 Ha provato ad opporsi a Dybala, ma è finito seduto per terra e ha anche deviato la palla diretta in rete (3’). Tempestiva la chiusura in angolo su Rabiot che voleva servire Dybala (12’). Non è riuscito a raggiungere il pallone calciato dalla bandierina da Berenguer (18’). Ha fermato fallosamente Ronaldo ed è stato ammonito e così salterà la gara con il Brescia (58’), avrebbe potuto evitare di fare fallo visto che è avvenuto a metà campo. Con un anticipo importante Matuidi gli ha impedito di arrivare sulla palla (78’).

Lyanco: 4 I suoi errori sono costati cari al Torino . Si è fatto dribblare da Dybala che poi di sinistro ha insaccato (3’). Buono il cross per Berenguer che ha provato il tiro deviato da Bonucci (10’). E’ stato attento a fermare Dybala ben servito da Ronaldo dentro l’area (16’). Si è fatto saltare da Cuadrado che poi da posizione defilata ha segnato (30’). Intervenendo in anticipo su Dybala ha fatto ripartire l’azione (36’). La sua incursione in avanti è ternata con un tiro alto (57’).

Bremer: 5,5 Su pressione di Bentancur ha rinviato male e la Juventus ha usufruito di un calcio d’angolo (7’). Buono l’intervento in respinta su tiro di sinistro di Bernardeschi (23’). Ha deviato il tiro dalla distanza di Danilo spiazzando Sirigu, per fortuna la palla è finita anche se di pochissimo sul fondo (59’). Ottima chiusura su Douglas Costa (79’). (Dall’‘85 Djidji: 4 Non ha fatto tempo ad entrare che ha fatto un autogol intervenendo in spaccata su traversone di di Douglas Costa (87’) e poi si è fatto superare dal brasiliano costringendo Sirigu a una grande parata (88’). Ha deviato in angolo un tiro di Ronaldo (90’+2’) e poi si è ripetuto poco dopo sempre su tiro di CR7 mandando sul fondo (90’+4’)).  

Berenguer: 5,5 Si è incaponito in qualche tocco di troppo per cui avrebbe potuto essere più incisivo. Bonucci gli ha deviato in angolo un tiro in porta (10’). Ha provato a servire Verdi, ma il compagno è stato anticipato da Bonucci (26’). La punizione calciata da posizione laterale verso Belotti ha trovato la deviazione in angolo di Rabiot (28’). Servito da Belotti è arrivato sulla palla, ma de Ligt ha liberato (42’). Voleva servire De Silvestri calciando la punizione, ma il compagno non ci è arrivato (48’). Buffon gli ha impedito di segnare il gol del pareggio (50’). Si è fatto anticipare da Bonucci su suggerimento di Belotti (65’). Buffon gli ha respinto un tiro dalla lunga distanza (89’).

Meïté: 6 Doveva interdire e costruire e nel complesso se l’è cavata. Il cross al centro dell’area è stato facile preda di Buffon (52’).  

Lukic: 5,5 Ha dovuto occuparsi dei costruttori di gioco della Juventus e ha speso molte energie calando nella ripresa. Avrebbe dovuto spingere un po’ di più.

Aina: 5 Ha patito Cuadrado e non dato sufficiente apporto sia in fase difensiva sia in quella offensiva. de Ligt gli ha arpionato un cross (14’). Ha servito Verdi in area che si è fatto anticipare da Bonucci (38’). Appostato sul secondo palo ha indirizzato di testa la palla a Sirgu su cross di Danilo per Rabiot (43’). Servendo all’indietro Sirigu lo ha messo in difficoltà perché Ronaldo era in agguato (46’). Ha respinto con il braccio una conclusione di Danilo prendessi un’ammonizione e causando la punizione che ha portato a  tre i gol della Juventus (60’). Si è fatto anticipare sul secondo palo da Cuadrado su cross di De Silvestri (69’). (Dall’‘84 Ansaldi: n.g.).

Verdi: 6,5 Nel complesso meglio nel secondo tempo che nel primo, ma comunque positivo. Un suo tiro potente dal vertice destro dell'area non è stato raccolto da nessun compagno finendo sul fondo (15’). Avrebbe potuto sfruttare meglio la punizione e non farsela respingere dalla barriera (21’). Si è fatto anticipare da Bonucci sul suggerimento di Berenguer (26’). Buffon gli ha negato il gol sul diagonale calciato da dentro l’aerea (33’). Ancora una volta Bonucci lo ha anticipato in area (38’). Servito da Belotti ha calciato in porta, ma de Ligt ha intercettato con l’avambraccio (45’+2’) e dopo l’intervento del Var il Torino si è visto assegnare il rigore. Dopo un batti e ribatti in area provando il tiro ha colpito De Silvestri (48’). Sulla respinta da parte della traversa su tiro di Belotti si è visto annullare il gol per precedente fuorigioco del “Gallo” (50’). Il suo tiro potente dal limite è stato preda di Buffon (54’). (Dal ‘68 Millico: 5,5 Ha tentato il traversone, ma Danilo lo ha fermato in fallo laterale (71’). Lo si è visto poco ).  

Belotti: 6,5 Come al solito è stato il faro del Torino e ha fatto tutto ciò che poteva. Il suo stacco sul secondo palo sulla punizione calciata da Berenguer ha visto la deviazione di Rabiot in angolo (28’). Ha tentato di servire Berenguer che è arrivato sulla palla, ma de Ligt ha liberato (42’). Sua la palla per Verdi intercetta con l’avambraccio da de Ligt (45’+2’). E poi si è incaricato di battere il rigore e lo ha fatto di potenza vanificando l’intuizione di Buffon e insaccando, permettendo così al Torino di andare al riposo avendo dimezzato lo svantaggio (45’+6’). La traversa, dopo la respinta di Buffon sul tiro di Berenguer, gli ha impedito di fare la doppietta e di portare il Torino in parità, ma era in fuorigioco (50’). Una sua incursione è stata fermata da Cuadrado (53’). E' stato anticipato al limite da de Ligt su passaggio di De Silvestri (63’). Ha privato ad innescare Berenguer che è stato anticipato da Bonucci (65’). Si è rialzato dopo essere stato colpito in area involontariamente  da Cuadrado (72’). Non è riuscito ad arpionare un cross di De Silvestri (76’).    

Moreno Longo: 5,5 La partita che conta per la salvezza è la prossima con il Brescia e così, visto che si gioca in media ogni tre giorni e ha una rosa parecchio scarna e con alcuni uomini anche chiave non al top della forma, ha preferito tenere in panchina almeno inizialmente Nkoulou, Rincon, Ansaldi e anche Zaza, pronto a mandarli in campo quando Sarri avrebbe fatto i suoi cambi potendo immettere giocatori freschi e di qualità, assumendosi il rischio di esporsi a critiche anche feroci. Ad alcuni, probabilmente a molti, potrà essere sembrato una resa nei confronti della Juventus ancor prima di iniziare, ma forse si è trattato piuttosto di pragmatismo, anche perché così ha dato una grande possibilità a giocatori come Lyanco, Bremer, Aina, Meïté, Lukic, Berenguer e Verdi di mettersi in luce e dimostrare quanto valgono. Senza dimenticare la mossa preventiva sul tenere in panchina Nkoulou visto che Izzo era in diffida e avrà bisogno del miglior Nkoulou con il Brescia poiché il napoletano sarà squalificato perché è stato ammonito. Purtroppo Lyanco e Izzo si sono fatti saltare da Dybala che dopo tre minuti ha portato in vantaggio la Juventus, ma a lui se i suoi giocatori non riescono a fermare l’avversario quali colpe si possono addossare? Ha il grande merito di aver infuso alla squadra la determinazione a lottare anche quando va in svantaggio.    

JUVENTUS: Buffon: 6; Cuadrado: 7; de Ligt: 5,5: Bonucci: 6; Danilo: 6; Bentancur: 6,5; Pjanic: 6 (dal ‘49 Matuidi: 6); Rabiot: 6,5; Bernardeschi: 6(dal ‘55 Douglas Costa: 6); Dybala: 7,5 (dall’‘80 Higuain: n.g.); Ronaldo: 7.
Maurizio Sarri: 6,5.

Arbitro Fabio Maresca: 5,5 Giusti gli interventi sui falli e i cartellini, ma per il rigore al Torino è dovuto intervenire il Var. Berenguer ha fermato fallosamente Cuadrado (11’) così come Bernardeschi e anche Bonucci Verdi (20’ e 27’) e il difensore si è beccato anche l’ammonizione. Stesso discorso per Lukic nei confronti di Dybala (37’) e per Pjanic su Berenguer (40’) con giallo allo juventino. Tutto subito ha fatto proseguire sul tocco con l’avambraccio di de Ligt, poi il Var lo ha richiamato a vedere l’azione al monitor e ha assegnato il rigore e anche ammonito il bianconero (45’+5’). E anche nella ripresa i falli li ha visti: Rabiot su De Silvestri (47’) e quelli di Izzo su Ronaldo (58’) e Aina sulla respinta con il braccio sul tiro di Danilo (60’), ammonendoli entrambi questi ultimi due. E ci ha visto giusto sulla caduta troppo accentata da Dybala al limite dell’area e gli ha sventolato il giallo (70’).