Lavoro atletico e tattico incentrato sul 4-2-3-1 per il Torino a Bormio

Primo pomeriggio di lavoro in Valtellina. Belotti il più atteso dai tifosi.
 di Elena Rossin  articolo letto 3992 volte
Fonte: Elena Rossin
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Lavoro atletico e tattico incentrato sul 4-2-3-1 per il Torino a Bormio

Nel centro sportivo della Bormiese, tutto rinnovato e con una tribuna coperta nuova di zecca, il Torino ha iniziato a lavorare a Bormio. L’allenamento è cominciato con esercizi in palestra e, poi, è proseguito sul campo, anche lui rifatto ex novo. Gli occhi dei tifosi già presenti in Valtellina tutti puntati a scrutare Belotti per carpire qualche piccolo segnale che possa far sperare nella permanenza e con la speranza che sul suo volto non compaiano ombre sinistre che potrebbero far pensare a un addio. Le voci di un rilancio del Milan pronto a sborsare 55-60 milioni più Ninag e Paletta destano qualche preoccupazione fra i pessimisti, mentre gli ottimisti si aggrappano alle parole del presidente Cairo che ha sempre detto che cederà Belotti solo se arriverà qualche club con i fatidici 100 milioni e se il giocatore lo chiederà espressamente perché accetta la proposta d’ingaggio altrui.

Dopo gli esercizi in palestra i giocatori, sotto il vigile sguardo di Mihajlovic e del suo staff, hanno effettuato esercizi atletici agli orini del preparatore Bovenzi. Terminata la parte atletica il gruppo è stato diviso in due per esercitarsi sulla tattica mirata al 4-2-3-1, come già era avvenuto al Filadelfia. Attaccanti e centrocampisti con due versioni una prevede Belotti come punta con alle spalle Falque, Ljajic e Boyé e Valdifiori e Baselli in mediana, l’altra De Luca in qualità di centravanti con sulla trequarti Aramu, Gustafson e Parigini e a centrocampo Acquah e Obi. L’intento è quello di mandare al tiro in porta non solo gli attaccanti di ruolo, ma anche i trequartisti per aumentare il tasso offensivo della squadra. L’altro gruppo era formato dai difensori che si sono esercitati in particolare sul giro palla. Sirigu e Ichazo hanno lavorato con i difensori, mentre Zaccagno con attaccanti e centrocampisti. La seduta è terminata con esercizi di stretching. Non sono presenti a Bormio Benassi, Barreca, Lukic e Milinkovic-Savic che sono reduci dall’Europeo Under 21 e hanno ancora qualche giorno di vacanza. Mentre Maxi Lopez e Ajeti non sono stati convocati per il ritiro per scelta tecnica. Domani doppia seduta d’allenamento, mattutina e pomeridiana, gli orari saranno comunicati sul sito del Torino Fc.