La Coppa Italia tra banco di prova e vetrina per il Toro per cui: guai a snobbarla!

26.10.2020 10:30 di Elena Rossin   Vedi letture
Fonte: Elena Rossin
La Coppa Italia tra banco di prova e vetrina per il Toro per cui: guai a snobbarla!
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Image Sport

Capita, come si suole dire, a fagiolo la Coppa Italia per il Torino, anche se forse c’è chi vede questo impegno infrasettimanale come un fastidio. E proprio non lo è un fastidio perché arriva dopo la miglior prestazione stagionale dei granata seppur come al solito, dall’inizio del 2020 e non solo, in buona parte vanificata dai soliti errori che hanno permesso agli avversari, nel caso specifico il Sassuolo, di rimontare e pareggiare con il risultato di aver gettato due punti preziosi alle ortiche.

Quanto sia importate la partita con il Lecce è presto detto e lasciando stare che ci sarebbe da lavare l’onta del quattro a zero subito nello scorso campionato che decretò la fine dell’era Mazzarri sulla panchina granata. Prima di tutto si tratta di una squadra di Serie B per cui chiunque scenderà in campo nel Torino per il solo fatto di giocare in Serie A dovrà essere migliore degli avversari, fattore questo che per il politically correct, pratica il più delle volte utilizzata in modo aberrante e ipocrita, troppo spesso non viene sufficientemente messo in risalto. E poi perché è un ottimo banco di prova per testare se i progressi visti con il Sassuolo sono solo estemporanei, e magari anche dettati da una performance non sui soliti standard dei neroverdi, oppure se corrispondono per i calciatori a un reale recepire e fare proprio al punto da utilizzarlo correttamente il sistema di gioco di Giampaolo. Non ultimo, se l’allenatore darà spazio a chi finora lo ha avuto meno è una vetrina per mettersi in mostra e dimostrare che essere tenuti in panchina o in tribuna è uno spreco perché non si è inferiori a chi va in campo.

La Coppa Italia è poi comunque un torneo importante perché per chi la vince vuole dire accesso diretto all’Europa League con tutto ciò che ne consegue e a prescindere dalla posizione in classifica conquistata alla fine del campionato. Arrivare fino in fondo alla competizione significa anche ottenere più soldi dai diritti televisivi oltre a una maggiore visibilità. Motivi non mancano per ritenere la partita di mercoledì pomeriggio, fischio d’inizio alle ore 14 con diretta testuale su Torinogranata.it e diretta televisiva su Rai Sport, un passaggio decisamente significativo per il Torino di conseguenza: guai a snobbarla!