Il mercato del Torino deve essere valido: nessun giocatore che debba rilanciarsi

28.12.2020 12:00 di Elena Rossin   vedi letture
Fonte: Elena Rossin
Vagnati e Cairo
TUTTOmercatoWEB.com
Vagnati e Cairo
© foto di Image Sport

La classifica impone, non solo consiglia pena finire in Serie B, che non solo il Torino rinforzi la squadra in questa sessione del mercato di gennaio, ma che lo faccia prendendo giocatori validi e non chi ha bisogno di rilanciarsi perché dov’è non riesce ad esprimere appieno le sue potenzialità o perché arriva da un infortunio che lo ha tenuto a lungo fuori o anche perché non ha abbastanza personalità per ritagliarsi spazi adeguati alle sue capacità e neppure perché ha un carattere un po’ bizzoso che ne condiziona la continuità di rendimento. Nessun giocatore mediocre può riuscire a fare la differenza e negli anni ci sono state prove e ri-prove di questo e non c’è neppure bisogno di fare nomi, tanto sono arcinoti.

Cairo dovrà mettere mano al portafoglio e stanziare un budget adeguato a salvare il Torino senza pretendere che chi si occupa del mercato ricavi i soldi per comprare dalle vendite e Vagnati deve essere bravo a individuare i giocatori validi e prendersi senza spendere più del dovuto e al contempo, ma in seconda battuta, riuscire a cedere al miglior prezzo chi non vuole restare. Poi sarà Giampaolo a dover far rendere la squadra rinforzata in modo da risalire la classifica.
Fare mercato è difficile tanto più ai tempi del Covid, per comprare e vedere si è in due e dipende anche dalla controparte, c’è crisi in tutti settori, girano pochi soldi. Va bene, lo si sa e vale per tutti. Tutto questo non deve diventare un alibi e questo mercato sarà il banco di prova di Cairo e Vaganti: se sono competenti e capaci riusciranno a prendere i giocatori giusti senza spendere cifre inadeguate, altrimenti vorrà dire che non sono tanto bravi.

La priorità è salvare il Torino e per riuscire a farlo serve il massimo impegno e uno sforzo economico adeguato. Il segnale che arriverà dal mercato sarà fondamentale anche per Giampaolo e i giocatori perché nella condizione in cui stanno, nella quale hanno indubbiamente anche contribuito ad infilarsi, se non arriveranno i giusti rinforzi il peso delle difficoltà aumenterà e sarà ancora più difficile cercare di risollevarsi. Se, invece, i nuovi giocatori andranno a colmare le lacune allora immetteranno linfa vitale e faranno da traino nella risalita alla classifica. Lapalissiano, no? Appunto!