Ventura: "Riforme? Problema strutturale: si continua a parlarne, ma non vengono mai fatte"

13.04.2022 13:00 di Elena Rossin   vedi letture
Fonte: La Gazzetta dello Sport e Tmw
Gian Piero Ventura
TUTTOmercatoWEB.com
Gian Piero Ventura
© foto di Carlo Giacomazza/TuttoSalernitana.com

Lunga intervista all'ex CT azzurro Gian Piero Ventura sulle colonne de La Gazzetta dello Sport. Fra i tanti temi toccati, anche il tema delle riforme per risollevare il calcio italiano: "Il problema non è parlare di riforme, è farle. Riflettiamo un secondo: nel 2010 l’Italia è uscita al primo turno dal Mondiale, nel 2014 al primo turno, nel 2018 non ci siamo qualificati con la Svezia e oggi non ci siamo qualificati contro la Macedonia del Nord. Se anche di fronte a questo problema strutturale continuiamo a parlare di riforme che non vengono mai fatte, diventa difficile che la situazione possa migliorare. Il grande e vero problema sono i giovani. Ma oggi in Italia quando si tocca l’argomento, si parla di Scamacca, Frattesi e Raspadori. L’Italia può essere racchiusa in tre calciatori? Il cambiamento dovrebbe venire dalla base. Ci sarebbe un lavoro incredibile da fare. Ma se continueremo sempre a far finta che non sia successo niente, allora non ci potremo lamentare. Cinque giorni dopo l’eliminazione dal Mondiale c’è stata Juve-Inter e da allora nessuno ha più parlato di riforme. È stato uguale nel passato".