Ventura: " Potrebbe essere l'inizio di una nuova stagione"

11.01.2015 08:00 di Lorenzo Buconi Twitter:    vedi letture
Fonte: Torinofc.it
Ventura: " Potrebbe essere l'inizio di una nuova stagione"
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport

"Questo pareggio pesa molto di più del punticino che aggiunge alla nostra classifica", parola di Giampiero Ventura, che a fine gara ha analizzato l'uno a uno contro il Milan: "Volevamo fare la partita, imporre il nostro gioco, ci siamo riusciti ma, e purtroppo non è la prima volta, alla fine prevale il rammarico. Abbiamo tirato 27 volte verso la porta del Milan concedendo in pratica ai rossoneri un solo tiro a Padelli, quello del rigore. Avremmo meritato molto più del pareggio. Però questo punto che muove la nostra classifica è più importante di quanto possa sembrare perchè ha dimostrato ai miei giocatori qual è il loro vero potenziale. Potrebbe essere l'inizio di una nuova stagione: questa sera mi sono reso conto che stiamo tornando ad essere il Toro dello scorso anno. Ho ritrovato un gruppo che ha voglia di giocare a calcio, che lotta e che pensa da squadra. Cosa ci manca ancora? Un po' di serenità. La serenità è quella componente che ti permette di osare e di tentare la giocata più difficile: quando deleghi, quando passi la palla al compagno invece che tirare significa che non sei ancora sereno e padrone della situazione. Detto questo io sono convinto alla luce della prestazione di questa sera che ci sia ancora tempo per ritagliarci uno spazio importante".

Un elogio al capitano e vero leader di questo Toro, Kamil Glik: "Non ci sono segreti, se non tanto lavoro. Dietro ai continui miglioramenti di Kamil ci sono la serietà, l'applicazione, la professionalità di un ragazzo, che al pari di molti suoi compagni, in questi anni non ha vissuto di slogan e parole ma solo di sudore e fatti concreti. Kamil ha già segnato cinque gol, tutti su palla inattiva e tutti di buonissima fattura: peccato, lo dico perchè lui è il primo a saperlo, che stasera nel primo tempo non sia riuscito a capitalizzare un'opportunità ancora più semplice di quella che poi ha avuto nella ripresa".

Infine, una battuta sul mercato: "Il mio compito è quello di allenare. Le scelte e le trattative di mercato competono unicamente alla Società. E' innegabile che rispetto al gruppo che ha iniziato la stagione la scorsa estate oggi siamo 4/5 in meno: magari non tutti, ma credo che molti dovranno essere rimpiazzati. Per me restano fondamentali due aspetti: è necessario che chiunque arrivi trovi il gruppo degli ultimi anni e sappia calarsi nella nostra realtà con l'umiltà e la voglia di dare il proprio contributo".