Toro, riposo prima del Mantova

17.05.2010 17:28 di Marina Beccuti   vedi letture
Fonte: www.srweb.eu
Toro, riposo prima del Mantova
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Giacomo Morini

Giornata di riposo per la truppa granata in attesa della partitaccia ... la trasferta di Mantova.

Li avevamo dati in caduta libera quelli del Mantova, con problemi societari infiniti ed invece "questi" vanno a pareggiare a Crotone stoppando di fatto le ambizioni Play-off della squadra di Lerda, non certo un buon viatico per la partita di domenica.

E' vero che il Toro recupera Pestrin, ma è anche vero che bisognerà fare attenzione a non uscire con le ossa rotte domenica, ovvero con una scorta di cartellini rossi che vadano ad inficiare lo spareggio con il Cittadella.

Ruota un po' tutto intorno a questa partita il futuro prossimo del Toro fortunato di questo ultimo periodo, bisogna vincerle tutte per tenere la linea di galleggiamento ... purtroppo gli errori si pagano.

E' comunque alto il morale dei granata che sono pienamente convinti di avere delle ottime possibilità pur non partendo dalla prima posizione nel mini girone dei Play-off, la squadra sembra crederci e il recupero degli ultimi infortunati darà più possibilità a Colantuono ... sempre ammesso che il Mister voglia cambiare qualche cosa.

Bisogna registrare l'ottima crescita di Rubin che giocando con un minimo di continuità si sta ritrovando, ottima la sua partita di sabato, lui ed Ogbonna sono stati fra i migliori in campo senza dubbio.

Potrebbe anche non essere un'eresia pensare alla fascia sinistra con lui e Garofalo schierati contemporaneamente, si alternerebbero sia in fase difensiva che in fase propositiva a tutto vantaggio della copertura a centrocampo, settore sempre in difficoltà.

Proprio a proposito di centrocampo vorremmo spendere una parola a favore di Genevier: corre a destra e a manca a tappare gli inevitabili buchi, difficile poi essere lucidi in fase di ripartenza.

Sabato più volte abbiamo notato il Toro schierato in campo con un 4-2-4, con Bianchi, Pià, Gasbarroni e Scaglia che rientravano a fatica, con Barusso e poi Coppola in grande affanno e con gli avversari che maramaldeggiavano nel centrocampo granata.

E' proprio quella la ferita che Colantuono deve in qualche modo curare, perchè ormai lo sanno tutti qual'è il punto debole del Toro e Cesena, Sassuolo e Cittadella lo sanno bene.




GMC