Toro, finalmente i tre punti

15.02.2010 11:12 di Marina Beccuti   vedi letture
Fonte: Massimo De Marzi per Nesti Channel
Toro, finalmente i tre punti
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Federico De Luca

Il Toro sabato ha scoperto di avere nuove risorse cui attingere nell’inseguimento alla zona playoff. Contro l’AlbinoLeffe del Mondo i granata hanno scovato un portiere di riserva capace di fare miracoli anche dagli undici metri contro Cellini: Davide Morello è uno dei giocatori su cui Petrachi ha voluto scommettere e i fatti hanno dato ragione al ds, che ha visto giusto anche con ragazzi come Scaglia e D’Ambrosio. I lustrini non fanno parte di questo Toro che ha messo da parte i nomi per puntare sulla sostanza di gente che viene dalle categorie inferiori o da stagioni poco fortunate. E’ il caso di Antonelli e Garofalo, tra i più convincenti sabato a Bergamo, giocatore che a Siena faceva fatica a trovare spazio e che in granata si è inserito velocemente nel tessuto di un gruppo rivoltato come un calzino dal mercato di gennaio.

Con sei punti nelle ultime quattro gare, il Toro ha ripreso a marciare su ritmi importanti: da quando Colantuono è tornato la squadra ha cambiato fisionomia, appare più compatta e quadrata, rischia meno dietro e anche se la qualità non è eccelsa, adesso ha in campo undici giocatori che corrono tutti e remano dalla stessa parte. La zona playoff non è distante e gli ultimi risultati hanno dimostrato che, escluso il Brescia, nessuna di quelle davanti corre a perdifiato, perfino Lecce e Sassuolo hanno frenato. La gara con l’AlbinoLeffe ha dimostrato che nel Toro non ci sono intoccabili e che si può fare risultato pieno anche senza i due giocatori più conclamati. Morello, dopo un pomeriggio da eroe per caso, si appresta a ricedere la porta a Sereni, mentre in attacco resta da capire chi affiancherà Bianchi.

Il capitano è stato sostituito nel tabellino dei marcatori da Pià, deludente al di là del rigore. Siccome neppure Arma ha convinto, rimangono in piedi molte soluzioni, compresa quello del rilancio del tridente puro. Scelta che obbligherebbe Gasbarroni e Leon a darsi una svegliata, dopo le ultime scialbe prove. Perché i tre punti e il bel gioco contro il fanalino di coda Salernitana sono d’obbligo sabato prossimo.