TMW-Proroga contratti: i giocatori dicono no all'idea di un minimo federale per luglio e agosto

30.05.2020 19:15 di Marcello Ferron   Vedi letture
Fonte: Tuttomercatoweb.com
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
TMW-Proroga contratti: i giocatori dicono no all'idea di un minimo federale per luglio e agosto

Uno dei principali problemi che si dovranno affrontare nelle prossime settimane sarà quello della proroga dei contratti in scadenza a giugno, ben 130 solo in Serie A tra giocatori in scadenza ed in prestito. Un tema delicato, poichè essendo un contratto di lavoro privato servirà un accordo tra società e calciatore, oppure, nel caso dei prestiti, tra due società ed il calciatore. Secondo quanto riportato da TuttoMercatoWeb.com, i giocatori avrebbero già bocciato l'idea di un pagare un minimo federale ai calciatori per i mesi di luglio ed agosto, per poi comprimere in 10 mesi lo stipendio della stagione 2020-2021. Soluzione che non sembra trovare il favore nemmeno delle big di Serie A, che hanno diversi giocatori in prestito e si ritroverebbero a pagare loro lo stipendio di luglio e agosto spalmandolo nelle dieci successive mensilità. 
Una linea guida che trova maggior favore è quella di prorogare i contratti per altri due mesi, con lo stesso stipendio mensile percepito durante la stagione 2019-2020 anche per i mesi di luglio e agosto. Una linea che potrà essere però specificata con chiarezza solo per i giocatori in scadenza, più difficile da applicare invece per quelli in prestito. L'unica certezza è che se un giocatore non vedrà rinnovato il prestito per altri due mesi, potrà allenarsi soltanto con la squadra proprietaria del cartellino.