Salernitana, Lombardi: "Nessun ultimatum a Brini"

14.09.2009 16:33 di Raffaella Bon   vedi letture

Brini? Nessuna fiducia a termine al mister: la scelta di continuare con lui è dettata da motivazioni profonde, non è stata una volontà del momento o passeggera. Certo, il problema è che fino ad oggi la squadra non ha conseguito risultati". Il presidente della Salernitana Antonio Lombardi fa chiarezza sulla posizione del tecnico granata, che da più parti viene dato sulla graticola dopo l'inizio disastroso della squadra. "Obiettivamente va detto che la squadra era stata costruita sull'estro e le potenzialità di Cozza e Merino, i nostri fuoriclasse - dice Lombardi -. Venuti meno loro a causa di due seri infortuni è saltato il modulo. Ho deciso di mandare in ritiro la squadra perché ritrovi l'identità perduta e non commetta più gli errori frutto di leggerezze che ci sono costati tre sconfitte nelle prime tre partite. La squadra ha grosse potenzialità: al già alto tasso tecnico si sono aggiunti calciatori del calibro di Fava, Montervino e Millesi che hanno migliorato la rosa. Ora la rosa è altamente competitiva". Sulla "questione" societaria: "Si tratta di allarmismi scaturiti ed amplificati da determinate linee editoriali. Le cause sono tali quando si celebrano nei Tribunali. I processi mediatici sono solo mezzi destabilizzanti. Ora sono solo al comando della squadra ed andrò avanti in tutta serenità. Ma resto principalmente un tifoso della Salernitana: perciò se ci fosse qualche imprenditore serio che avesse voglia di cimentarsi nell'esperienza-calcio a Salerno per garantire un futuro ancora migliore alla casacca granata sarei pronto a sedermi ed a ragionare".