Quota 100 nel mirino: Belotti punta alla cifra tonda di gol con i granata in serie A

30.04.2022 09:30 di Emanuele Pastorella   vedi letture
Quota 100 nel mirino: Belotti punta alla cifra tonda di gol con i granata in serie A
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it

Andrea Belotti si prepara per gli ultimi colpi. A Bergamo è andato in panchina, ad Empoli punta ai primi minuti dopo l’infortunio: lo ha smaltito molto prima del previsto, bruciando le tappe e candidandosi a subentrare a gara in corso. Anche perché in queste ultime quattro partite in maglia granata, salvo sorprese clamorose sul fronte rinnovo, ha ancora da centrare qualche record personale. Partirà dai 97 gol segnati in serie A con il Toro, un bottino che gli ha permesso di insidiare Ciccio Graziani: uno degli eroi dell’ultimo scudetto del 1976, infatti, ha una sola rete di vantaggio rispetto al Gallo. L’attuale capitano granata avrà a disposizione 360 minuti di campionato per provare ad agganciarlo e a superarlo, arrivando così a quota 100 considerando soltanto le reti in campionato. Una missione più che alla portata, mentre il record dell’altro “gemello del gol”, Paolo Pulici, sembra molto più difficile. Puliciclone andò in doppia cifra per sette stagioni consecutive, Belotti è arrivato a sei: questo sarebbe stato l’anno per l’aggancio, ma tra infortuni e una mira non sempre precisa si è fermato a cinque.

L'annata peggiore

Dal punto di vista realizzativo, è nettamente il suo anno peggiore da quando è approdato sotto la Mole, anche se è stato costretto a saltare ben 15 partite (più il recupero dell’altro contro l’Atalanta, quando era in panchina ma non in condizione di entrare), vale a dire quasi un girone intero di campionato. Ora è pronto per il rush finale in campo, oltre a vivere un sentitissimo 4 maggio ancora da capitano: si tornerà alla normalità e la squadra salirà a Superga, con Belotti che avrà l’onere e l’onore di leggere i nomi dei caduti del 1949. Poi, con ogni probabilità, le strade si separeranno, nonostante qualche sprazzo di apertura alle trattative registrato negli ultimi mesi. In ogni caso, il Gallo vuole lasciare il proprio nome stampato sulla storia recente del club granata.