Per la cura Longo serve tempo: i danni di Cairo e Mazzarri sono gravi

09.02.2020 11:30 di Elena Rossin   vedi letture
Fonte: Tmw
Cairo e Mazzarri
TUTTOmercatoWEB.com
Cairo e Mazzarri

Una crisi senza fine. Non è servito nemmeno l’arrivo di Moreno Longo a restituire punti e prestazione a un Torino in caduta libera. “Non ho la bacchetta magica” diceva, giustamente, il tecnico alla sua presentazione. E in effetti i problemi dei granata sono ben più gravi di quanto si potesse pensare: tra motivi mentali e fisici, al 70’ la squadra è completamente sparita dal campo. Il vantaggio di Verdi, al primo gol in granata, sembrava spianare la strada, invece si è concretizzato il tracollo. Come era successo contro l’Atalanta, contro il Milan e contro il Lecce: un film, di fatto, già visto. Tre reti subite in nove minuti, la condizione di Belotti e compagni è precaria. Longo aveva già fatto intuire tutti i suoi dubbi sulla forma atletica dei suoi ragazzi alla vigilia, non contestando il lavoro di Mazzarri ma sottolineando come insieme al suo staff abbia dovuto aumentare i giri del motore dei granata. E poi c’è la testa, con i giocatori che alla prima difficoltà si sciolgono: è proprio ciò che si è ripetuto anche contro la Sampdoria.

Sarebbe ingiusto dare tutte le colpe a Longo: sono arrivate critiche per il ritardo della sostituzione di Aina, parso in netta difficoltà nella ripresa, ma chi poteva mettere? La società, sotto consiglio di Mazzarri, ha deciso di non intervenire in entrata e non è stato comprato il sostituto di Laxalt. Avrebbe potuto mettere prima Ansaldi, ma l’argentino rientrava dopo due mesi di infortunio: non aveva un grande minutaggio, il tecnico non aveva alternative. E le responsabilità, di conseguenza, vanno al precedente allenatore e soprattutto al presidente Urbano Cairo. Longo ha ereditato una rosa corta e una squadra in piena difficoltà, nemmeno il calendario adesso aiuta: Milan, Parma, Napoli, ecco il trittico che attende Longo. Da mettere i brividi, per fortuna che la zona retrocessione resta a distanza di sicurezza.