Morello, una storia da Toro

15.02.2010 10:24 di Marina Beccuti   vedi letture
Fonte: www.srweb.eu
Morello, una storia da Toro
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Giacomo Morini

Quando si dice una storia da Toro.



Ecco servita su di un piatto d'argento la lieta novella del nuovo portiere di riserva del Toro, ecco un'altra trovata di un Petrachi uomo fortunato degno accomapgnatore del suo Presidente, definito nell'ambiente Lucky Man.



Davide Morello disoccupato da otto mesi, senza squadra e un po' proccupato per il suo futuro prossimo, quando deve aver ricevuto la telefonata di Petrachi avrà tirato un sospirone di sollievo, l'incubo era finito e la possibilità di tornare a farsi vedere in giro era finalmente concreta.



Ma la bella storia è solo all'inizio, perchè quando ieri il Mister lo ha chiamato un'ora prima della partita Davide Morello si è calato subito nella parte, ma di certo non poteva immaginare che quella partita avrebbe segnato il momento della sua resurrezione calcistica.



Dobbiamo dire che nel momento in cui si è sistemato sulla linea di porta prima dell'inizio della partita qualche timore ce lo abbiamo avuto, infatti l'asse portante della squadra, Sereni - Bianchi era assente e i ragazzi di Mondonico facevano paura.



Arrivando al rigore fischiato contro ai granata da un arbitro svagato,abbiamo iniziato a pensare che forse il pareggio ci poteva anche andare bene ... ma un attimo prima della battuta abbiamo pensato: pensa se lo para!



E Davide Morello tuffandosi sulla sinistra con agilità insospettata vista la sua linea non proprio perfetta (un po' di pancetta), parava il rigore dando un colpo alla sua carriera ed entrando con diritto nella breve storia granata di quest'ultimo periodo.



Alla fine tifavamo due volte, una perchè i tre punti di ieri erano veramente importanti e l'altra perchè volevamo assolutamente che la storia "Morello" fosse a lieto fine, perchè sono queste le cose cose che poi si tramandano in pieno stile "buchetta di Maspero".



Non contento Morello ha sfoderato sicurezza e ancora un paio di parate notevoli a suggellare una prestazione personale decisamente superiore alla media ... e con una naturalezza incredibile.



Bene in questo Toro che sta nascendo continuiamo a scoprire personaggi, D'Ambrosio e Pestrin ne sono degli esempi e ci siamo già dimenticati dei ripiegati su se stessi (solo quando scendevano in campo con la maglia granata) che ci hanno angustiato prima le Domeniche e poi (purtroppo) i sabati di questo ultimo periodo.



I segnali sono positivi ora bisogna dare continuità ulteriore cercando di fare bottino pieno con la Salernitana con un occhio agli altri incontri ... il Lecce va a Crotone ed il Sassuolo sarà ospite di un disperato Mantova.



Da sottolineare anche lo scontro diretto fra Modena e Grosseto ed il Cesena che andrà a Trieste, senza dimenticarci di Frosinone - Empoli. Più facile sulla carta almeno la partita dell'Ancona che ospita il Padova.



Ci sarà un Pestrin in meno, ma un Bianchi in più ed il portafortuna Morello in panca pronto a rimboccarsi le maniche in caso di necessità ... ma che bella storia granata finalmente, se ne sentiva proprio il bisogno.






GMC