Le probabili formazioni di Tmw per Torino-Parma: ballottaggio Aina-De Silvestri, dubbio Caprari-Siligardi

Fischio d’inizio domenica alle ore 15.
21.02.2020 18:30 di Elena Rossin   Vedi letture
Fonte: Tmw
Ola Aina
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Ola Aina

Con l'anticipo Brescia-Napoli di stasera, programmato per aiutare gli azzurri nell'impresa europea contro il Barcellona del prossimo martedì, si apre il 25° turno di Serie A. Dopo la quinta sconfitta consecutiva il Torino deve tornare a conquistare punti per non essere risucchiato nella lotta per non retrocedere. Il Parma, invece, è in piena corsa per un posto utile per l’Europa League.

COME ARRIVA IL TORINO - Izzo in difesa, Baselli a centrocampo: Moreno Longo studia due rientri per la sfida casalinga di domenica alle 15 contro il Parma. Il centrale, dopo la squalifica, torna a disposizione e si riprenderà il posto al fianco di Nkoulou e Lyanco, il mediano non si vedeva dal dicembre scorso e si gioca una maglia da titolare con Lukic per affiancare Rincon. Solito duello Aina-De Silvestri in fascia, davanti ci sarà nuovamente Verdi (out per febbre contro il Milan) con Belotti. Da sciogliere il nodo modulo e l'ultimo volto dell'undici anti-Parma: Berenguer è in vantaggio su Edera, potrebbe agire da esterno del tridente nel 3-4-3 o da mezzala nel 3-5-2.

COME ARRIVA IL PARMA - Qualche incognita soprattutto in attacco per mister D’Aversa, che continua a perdere pezzi. Mancherà infatti Darmian, uscito anzitempo dalla sfida contro il Sassuolo, che verrà sostituito da Laurini, già in campo nella gara di andata. Il resto della difesa è confermato, con Iacoponi e Bruno Alves centrali e Gagliolo a sinistra, davanti al sempre più sorprendente Colombi. A centrocampo si va verso il trio che tanto bene ha fatto a Reggio Emilia: Brugman in regia, Hernani e Kurtic mezzali. Davanti, se Cornelius e Gervinho sono certi di una maglia da titolare, c’è grande battaglia per il ruolo di esterno destro. Più che Kulusevski, con solo un allenamento completo in gruppo, il ballottaggio è fra Caprari e Siligardi.