L'euforia di Bianchi: "Il gol è stata un'autentica liberazione"

05.03.2012 16:54 di Giulia Borletto   vedi letture
L'euforia di Bianchi: "Il gol è stata un'autentica liberazione"
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Giuseppe Celeste/Image Sport

Il gol ritrovato da vero gladiatore. Una gioia incontenebile nell'esultanza, per lui soprattutto una liberazione. Rolando Bianchi è pronto a tornare alla ribalta dopo alcune settimane passate tra polemiche e smentite varie. Oggi il capitano granata è stato intervistato dal Tuttosport, intervista che comincia con i complimenti per il gol: "Grazie, ci voleva proprio. Non ce la facevo davvero più. E' stata una liberazione. Autentica liberazione. La gioia indescrivibile di essermi tolto un peso. Sarei saltato sugli spalti per abbracciare tutti. Non volevo più fermarmi, ecco perché ho cominciato a correre come un pazzo verso la curva. La gente granata mi ha sempre sostenuto in questo momento brutto, non mi ha mai fatto sentire solo nei quattro mesi e mezzo più difficili della mia carriera". 

 

Lo stesso capitano sottolinea come siano stati mesi difficili, in cui la serenità non stava di casa nella sua testa: "Sì, assolutamente i più difficili. Peggio di un infortunio e io lo posso affermare con cognizione di causa perché purtroppo mi sono dovuto fermare per problemi fisici. Ho provato questo sulla mia pelle, stare per così tanto tempo senza segnare, per un attaccante, è peggio: almeno, quando sei fuori perché infortunato, sai che prima o poi tornerai Ventura mi aveva detto: a Grosseto sarà la tua partita. Aveva ragione lui e lo devo ringraziare, perché ha creduto in me anche quando le cose non giravanoe potrai di nuovo dare una mano alla tua squadra, ai tuoi compagni. Ventura ha detto che il nostro campionato è cominciato da Grosseto e ha ragione il nostro allenatore: d’ora in poi le partite varranno doppio e diventano sempre più fondamentali. Nelle dediche non ho citato il tecnico, ma rimedio adesso: mi è stato vicino in questo periodo difficile ed ha avuto grande fiducia in me quando le cose non andavano bene».

Il ritorno al gol di Bianchi coincide con il ritorno alla vittoria esterna dopo quattro mesi. Significa qualcosa? "Semplicemente che ci siamo sbloccati anche sotto questo punto di vista. Ora dobbiamo dare un segnale di forza contro una diretta concorrente per la promozione come il Verona. E’ una partita decisiva".