E’ finita 3 a 3 fra la Serbia di Vanja, Lukic e Radonjic e il Camerun di N’Koulou. Ottavi per entrambe più lontani

28.11.2022 13:30 di Elena Rossin   vedi letture
Fonte: Tmw
Vanja Milinkovic-Savic
TUTTOmercatoWEB.com
Vanja Milinkovic-Savic
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

C’è stato non poco Torino in Camerun-Serbia: ben quattro tra i giocatori attuali, Vanja Milinkovic-Savic, Lukic e Ragonjic, e del passato, N’Koulou. Vanja e Lukic hanno disputato tutta la partita, invece Nkoulou è partito titolare, ma poi è stato sostituito all'83 da Mbeumo, mentre Radonjic è subentrato all'81 a Zivkovic. 

Ma che partita è stata? Camerun-Serbia va in archivio come una delle partita più divertenti di questo Mondiale. Sei gol per un pareggio al triplice fischio, un 3-3 che fa sorridere soprattutto Brasile e Svizzera, squadre più vicine agli ottavi dopo quanto accaduto all'Al Janoub Stadium. Una gara che, soprattutto, ha raccontato più partite in una. Il Camerun passato in vantaggio quando era la Serbia a dominare, la Serbia che ha ribaltato il match quando il primo tempo stava per finire. E poi i ragazzi di Song - quando l'1-3 di Mitrovic sembrava aver chiuso la contesa - che hanno riacciuffato la contesa grazie a un ingresso decisivo, quello del 10 Vincent Aboubakar.

Ma andiamo con ordine. La Serbia è sembrata più squadra, più forte e anche meglio organizzata fino a quando non pensava di aver già vinto. I ragazzi di Stojkovic hanno costruito due occasioni clamorose nei primi 16 minuti, con Mitrovic che le ha fallite entrambe. Hanno continuato ad attaccare anche dopo il gol estemporaneo di Castelletto, figlio di un corner, e hanno chiuso il primo tempo meritatamente in vantaggio. Nel primo dei sei minuti di recupero, bravo Pavlovic ad anticipare un irriconoscibile Anguissa e a trovare il gol con un preciso colpo di testa. Poi Milinkovic-Savic, finalmente protagonista, prima del duplice fischio ha trovato la rete del sorpasso con un tiro dal limite dell'area su cui Epassy - schierato al posto di Onana dopo l'esclusione del portiere dell'Inter - s'è tuffato male e in ritardo.

L'inizio della ripresa sembrava dover confermare il trend della prima frazione e quando Hongla perde una bruttissima palla a centrocampo, permettendo a Mitrovic di realizzare il terzo gol serbo, la partita sembra non aver più nulla da dire. Sembra, appunto. Perché a quel punto Song si gioca la sua carta più importante, Vincent Aboubakar. Numero 10 che ora gioca all'Al-Nassr ma ha un importantissimo passato in Europa col Porto. Arrivano nel giro di pochi secondi due gol fotocopia: lancio dalle retrovie e Milinkovic che tiene in gioco l'attaccante del Camerun. Sul 2-3, Aboubakar supera Vanja Milinkovic-Savic con un cucchiaio. Sul 3-3, l'attaccante classe '92 serve a Choupo-Moting un pallone che va solo accomodato in rete.

Il 3-3 arriva con (recupero compreso) mezz'ora da giocare. Ma da quel momento in poi prevale soprattutto la voglia di non perdere da parte della Serbia. Il ct Stojkovic vede la sua squadra in difficoltà e decide per mosse difensive, con la voglia di portarsi a casa almeno un punto per poi giocarsi tutto nell'ultimo turno contro la Svizzera. Ci riesce, una magra consolazione. Se la difesa serba sarà questa, tornare a casa nel week-end sarà naturale conseguenza.

 I GOL Sullo sviluppo da calcio d’angolo, spizzata sul primo palo di N'Koulou con palla che arriva a Castelletto, nei pressi del secondo palo, che la appoggia in porta (27’) portando in vantaggio il Cameun (27’).

Punzone sulla trequarti calciata da Tadic, Pavovlic sale più in alto di Anguissa e di testa mette la palla dove Epassy non può arrivarci e così pareggia i conti (44’).

Anguissa perde un pallone al limite dell'area e Lukic è lesto a serve Sergej Milinkovic-Savic che dal limite dell’area con un sinistro non potentissimo, ma angolato trafigge il portiere del Camerun portando la Serbia in vantaggio per 2 a 1 (45’+2’).

Kostic serve al limite dell’area Sergej Milinkovic-Savic che allarga per Zivkovic che dopo essere rientrato sul sinistro serve Mitrovic che spinge la palla in porta portando la Serbia sul 3 a 1 (54’).

Castelletto serve in profondità Aboubakar che a tu per tu con Vanja Milinkovic-Saviclo supera con un pallonetto riaccorciando le distanze per il Camerun (65’).

Kounde lancia Aboubakar che serve un perfetto assist a Choupo-Moting che appoggia in porta ed è 3-3 per il Camerun (67’).