De Siervo: "Cori razzisti? Spegniamo l'audio...". E la Figc potrebbe aprire un'inchiesta

03.12.2019 14:12 di Marina Beccuti Twitter:    Vedi letture
De Siervo: "Cori razzisti? Spegniamo l'audio...". E la Figc potrebbe aprire un'inchiesta

Il razzismo continua a far parlare di sè e mentre all'estero siamo ormai additati come la nuova frontiera del razzismo nel calcio, a buttare benzina sul fuoco ci ha pensato l'ad della Lega di serie A, Luigi De Siervo. Il fatto risale al 23 settembre scorso, quando l'ad rispondendo ad una domanda di Scaroni sul fenomeno razzismo, ha risposto: "Ho chiesto ai nostri registi di spegnere i microfoni, così non si sentono". Così come ha riportato Repubblica.

In sala con De Siervo erano presenti anche l'ex presidente della Lega, ora dimissionario, Gaetano Miccichè, Luca Percassi, presidente dell'Atalanta, Alessandro Antonello, ad dell'Inter, Paolo Scaroni, presidente del Milan, Stefano Campoccia, vice-presidente dell'Udinese, più Ruggero Stincardini, segretario verbalizzante.

La procura della Figc, che è entrata in possesso dell'audio, sta valutando l'opportunità di aprire un'inchiesta.

De Siervo però ha ribattuto che la frase è stata estrapolata da un contesto più ampio.

"Stavamo parlando di produzione televisiva. E si partiva dal presupposto che noi non siamo giornalisti che dobbiamo scovare le notizie, noi produciamo uno spettacolo e lo valorizziamo. A controllare la regolarità dello svolgimento della gara e documentare a fini legali e sportivi ciò che capita dentro lo stadio ci pensano già gli organi preposti: la polizia, gli ispettori di Lega e Federazione e, non ultimi, gli arbitri".