CorSera, serie A la più cattiva in Europa

16.01.2020 17:34 di Marina Beccuti Twitter:    Vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
CorSera, serie A la più cattiva in Europa

Il massimo campionato italiano non è il più bello e nemmeno il più ricco, se poi ci mettiamo che è il più cattivo tra quelli importanti d'Europa, il quadro che ne emerge non è tra i migliori.

Secondo un'indagine condotta dal Corriere della Sera, la serie A ha il maggior numero di rigori, di cartellini gialli e rossi.

Dopo 19 giornate in serie A si sono avuti 1.008 cartellini gialli, 56 rossi, subito dopo c'è la Liga, con 975 gialli e 44 rossi. In Bundesliga, ferma alla 17esima giornata per via della sosta invernale, si sono avute 581 ammonizioni e 31 espulsioni, la Premier, che ha una partita in meno rispetto a noi, ha visto comminare 684 gialli e 23 rossi, mentre in Ligue 1, con tre partite in meno, i gialli sono 670 e 45 i rossi. Potrebbe anche dipendere dagli arbitri, quelli italiani sono più severi, mentre negli altri paesi spezzettano meno il gioco e concedono meno falli. Ovvio che l'avvento del Var ha avuto anche incidenza in queste statistiche.

Primo posto anche nell'assegnazione dei rigori, ben 88 fischiati, contro i 43 nella Bundes, 74 in Liga, 63 in Ligue 1 e 41 in Premier League. C'è da rilevare che questa è la stagione dove sono stati fischiati più rigori, un anno fa eravamo fermi a 50 penalty fino a questo momento, due anni fa 76, 3 anni fa 66, 4 anni fa 47.  

Graziano Cesari ha commentato questi dati, sempre al Corriere della Sera: "L'arbitraggio italiano è diverso rispetto ad altri paesi, interrompiamo a ogni contatto. L'arbitraggio europeo è più moderno, questo porta a un minutaggio di gioco maggiore e a meno falli fischiati. La Var, poi, in Italia è utilizzata più che in altri tornei, con una differenza sostanziale: in Inghilterra se arriva una comunicazione dal Var diventa legge e l'arbitro la applica senza tante discussioni".