Cioffi: "Il Torino sta attuando la politica giusta"

22.07.2010 09:37 di Raffaella Bon   vedi letture
Cioffi: "Il Torino sta attuando la politica giusta"
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Federico De Luca

Raggiunto in esclusiva dai microfoni di Tuttomercatoweb, il difensore Gabriele Cioffi ci racconta come sta vivendo la sua estate da disoccupato e di progetti per il futuro, compreso il possibile ritorno nel campionato cadetto con le maglie di Grosseto o Frosinone.

Per te si parla di Grosseto e Frosinone, cosa c'è di vero?
"Si occupa di tutto Lorenzo Marronaro, il mio procuratore. Sicuramente un contatto c'è stato, da lì alla firma, però, la strada è lunga".

Ti aspettavi di poter rimanere all'Albinoleffe?
"Onestamente pensavo che un'offerta me la facessero, ma non è andata così. In ogni modo sono riconoscente alla società per l'occasione che mi ha dato. A dicembre scorso dubitavo fortemente di poter giocare di nuovo in B, ma l'Albinoleffe mi ha dato un'opportunità ed io ho messo in campo la mia totale disponibilità e professionalità. Sono arrivato preparato fisicamente e i test fatti lo hanno dimostrato subito, non era facile visto che ero fermo da sei mesi. In fondo la fortuna è anche quando l'opportunità incontra la preparazione".

Preferisci l'estero o l'Italia?
"Non è un problema, sono giusto di ritorno da una bella esperienza di quindici giorni in Cina. Non c'erano i presupposti perché accettassi, ma è stata una bella avventura che mi ha arricchito a livello personale. Non è detto che in futuro i presupposti manchino, perciò Italia o estero è uguale".

Cosa pensi di questo Torino?
"Con qualche anno, a mio avviso, stanno attuando la giusta politica. Sicuramente porterà i risultati sperati".

Ora ti stai allenando con il Carpi, una cosa importante visto che molti compagni sono a casa?
"Per me è ossigeno puro, perciò ringrazio il direttore Giuntoli per il quale nutro stima e amicizia incondizionate. Sono certo che farà strada nel calcio, ma soprattutto voglio dire grazie al presidente Stefano Bonacini per l'accoglienza e la disponibilità che ha avuto nei miei confronti".

La tua forza è sempre stata grande, lo sarà anche questa volta?
"L'età non mi aiuta, ma la rabbia e la voglia di esserci ancora credo saranno le mie armi in più. Ognuno, poi, ha la sua storia e la sua strada, ma finché avrò fiato andrò avanti anche controvento