Bianchi, molti elogi a Mazzarri

09.06.2012 19:44 di Marina Beccuti   vedi letture
Fonte: www.telecaprisport.it
Bianchi, molti elogi a Mazzarri
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Image Sport

Intoccabile per il popolo granata. E per i dirigenti del Torino? «Scusate, ma di mercato non parlo». Rolando Bianchi, diventato Rolandinho per i tanti gol segnati nella stagione della Reggina di Mazzarri, si apre soltanto quando spuntano i nomi del suo ex tecnico e del Napoli sulla terrazza del «Capri Tiberio Palace», l’albergo che ospita calciatori e attori nella terza edizione di «Capri Vip Champion»: l’evento organizzato dalla 361ondemand di Giuliano Annigliato. «Al Napoli auguro le migliori fortune e in particolare al suo grande allenatore…».

Bianchi lei conosce molto bene Mazzarri. «Due anni insieme alla Reggina, il secondo chiuso con una salvezza clamorosa perché partimmo con un pesante handicap in classifica dopo Calciopoli. L’allenatore però riuscì a trarre il massimo dalla squadra come avrebbe poi fatto con la Sampdoria e il Napoli. Io gioco nel Torino e so bene cosa significa raggiungere i risultati dopo grandi sacrifici: questa promozione in serie A ce la siamo sudata visto anche che le difficoltà sono state infinite. Ma in fondo è bello soprattutto così».

In quella stagione la coppia d’attacco della Reggina fece faville: 18 gol di Bianchi e 17 di Amoruso. «Ma io ricordo con affetto anche il primo campionato a Reggio Calabria. Avevo 22 anni ed ero reduce da un grave infortunio al ginocchio, Mazzarri mi diede fiducia e questa sua attenzione la ricorderò per sempre, così come i consigli che mi hanno aiutato a crescere. Ricordo poi in particolare un episodio accaduto nella seconda stagione. Partii subito bene, ma non riuscii a segnare per cinque partite. Mazzarri mi caricò negli spogliatoi: ”vai, è il tuo momento”. Quel suo sostegno nel momento di difficoltà fu importante, ripresi a fare gol con regolarità. Devo molto a lui».