Basha: "Il ritiro è appena iniziato, non dobbiamo essere pessimisti"

Con il Siena non mi sembra che abbiamo giocato male. Stiamo lavorando in modo molto duro e i frutti si raccoglieranno più avanti. Quelli che sono arrivati sono tutti bravi ragazzi e l'intesa è già perfetta.
22.07.2012 22:39 di Elena Rossin   vedi letture
Fonte: Elena Rossin per TorinoGranata.it
Basha: "Il ritiro è appena iniziato, non dobbiamo essere pessimisti"
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Image Sport

Che giudizio può dare sui quarantacinque minuti disputati con il Siena?
“Siamo lavorando durissimo da quando siamo arrivati a Sappada e quindi la brillantezza è quella che è. Lasciamo pure stare che abbiamo giocato con il Siena e che abbiamo le gambe imballate, ma non mi sembra che il Siena ci abbia messo sotto. Non ha avuto venti occasioni da gol, ne ha avuta una per una nostra disattenzione, forse era una situazione che avremmo potuto controllare un po’ di più, ma sono episodi che possono capitare normalmente una squadra di serie A. Non mi sembra che abbiamo giocato così male”.

L’intesa con il suo nuovo compagno di reparto Gazzi, com’è?
“E’ da poco che giochiamo insieme e stiamo crescendo. Dobbiamo ancora coordinare i nostri movimenti, ma non è facile e ci vuole del tempo per riuscirci. Io l’anno scorso ho messo del tempo a imparare i movimenti e coordinarmi con Iori e Vives, però cresceremo tutti anche con Gazzi”.

Invece l’intesa con il reparto più avanzato e in particolare con gli esterni Santana e Sansone?
“Siamo in una fase di stallo perché dobbiamo lavorare tantissimo e tutti i movimenti che stimo provando in allenamento dobbiamo ancora perfezionarli. Non è facile perché ci sono tanti giocatori nuovi, ho detto che io ci avevo messo più di un mese per riuscirci e i nuovi compagni sono con noi solo da una settimana. Non dobbiamo essere pessimisti perché stiamo lavorando in modo molto duro e i frutti si raccoglieranno più avanti”.

Ci sono differenze o somiglianze nella formazione del gruppo rispetto allo scorso anno?
“E’ la stessa cosa, quelli che sono rimasti sono tutti bravi ragazzi che pensano solo al gruppo e i nuovi li stiamo indirizzando vero la giusta mentalità, la stessa che c’era l’anno scorso: pensare a lavorare tutti insieme e alla salvezza. Quelli che sono arrivati sono tutti bravi ragazzi e l’intesa è già perfetta”.

Vi aspettate che arrivino altri nuovi compagni?
“Da quello che dice la società e il mister a livello numerico qualcuno dovrebbe arrivare, ma sono cose che non mi riguardano, io penso solo a lavorare. Se arriveranno ben vengano perché vuol dire che la squadra crescerà a livello tecnico e ci daranno sicuramente una mano per la salvezza”.