Inter-Torino, il momento della verità

09.03.2014 08:52 di Marina Beccuti   vedi letture
Fonte: Desirèe Fadda per TorinoGranata
Inter-Torino, il momento della verità
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

"Fare bene ora per avere un futuro migliore", queste sono le parole espresse dal tecnico  Walter Mazzarri alla vigilia di Inter Torino.
Al termine della stagione mancano12 partite, non è tanto importante vincere, basta debellare i dubbi, dimostrando che Capitan Glik e compagni hanno le qualità per affermarsi anche il prossimo anno. Confermare i progressi ora, tocca ai granata guidati da Ventura .
I talenti non mancano, dimenticare le due sconfitte precedenti e scendere in campo grintosi e vogliosi di riscatto questo è l'imperativo!
Quella di oggi non è  solo una partita da tre punti, è il bivio: da una parte indica le sirene europee dell'Europa League, e dall'altra c'è un girone di ritorno che li vede salvi con il gusto della solita routine di scendere in campo per onorare il campionato e i tifosi.Ora che la matematica è dalla nostra parte (tralasciando i punti persi qua e là per i demeriti di una classe arbitrale mediocre) perchè non ambire a qualcosa di più di un girone di ritorno "tranquillo"?

La partita con l'Inter sarà il test della verità, perchè qualitativamente parlando abbiamo anche tra le nostre fila top player capaci di risolvere una partita o la stagione . Pronti per l'arrembaggio di San Siro a viso aperto e denti digrinati, calcisticamente parlando, i granata scenderanno in campo per affrontare senza timori l'armata nerazzurra, forte del fattore campo e bisognosa di punti per il morale dell' ambiente.

Moduli di gioco molto simili, servirà l'estro individuale dei giocatori per spettacolarizzare una gara dagli equilibri instabili sperando di non incappare nell'annullamento da ambo le parti del gioco. Tutti pronti per il calcio d'inizio, ad arbitrare il match ci sarà il signor Calvarese, augurandogli i migliori auspici per la direzione della gara ed incrociando le dita, affinchè non incappi in errori grossolani o in qualche specie di sudditanza psicologica (come più volte quest'anno è successo a discapito dei granata).