Il 23 giugno 2005 il Toro, vincendo a Perugia, "ipotecava" la Serie A.

Quell'impresa in terra umbra nella finale dei play-off del 2004-2005...
23.06.2018 08:00 di Giuseppe Livraghi  articolo letto 2138 volte
Il 23 giugno 2005 il Toro, vincendo a Perugia, "ipotecava" la Serie A.

Il 23 giugno 2005 il Toro, terzo classificato nel campionato di Serie B, si presenta al “Renato Curi” di Perugia per affrontare i grifoni umbri nella finale d'andata dei play-off, con in palio un posto nella massima Serie. I due “biglietti” per la promozione diretta sono andati al Genoa (capolista con 76 punti) e all'Empoli (secondo con 74, ma promosso per la miglior classifica avulsa nei confronti dei granata e dei perugini). Le semifinali hanno visto passare le due squadre favorite, con il Torino lesto nel superare l'Ascoli e il Perugia bravo nell'estromettere la rivelazione Treviso: il calendario vede l'andata il 23 giugno in terra umbra e il ritorno tre giorni più tardi al “Delle Alpi”. Nella “tana” dei grifoni, il Toro, guidato in panchina dal vecchio cuore granata Renato Zaccarelli (subentrato ad Ezio Rossi alla quarantunesima giornata) e sostenuto da ben 1800 tifosi, riesce nell'impresa di far suo l'incontro per 2-1 grazie alle reti di Balzaretti al 21' e di Marazzina al 55', inframezzate dal momentaneo pareggio perugino firmato da Mascara al 44'. Il successo vale oro in vista della gara di ritorno (in programma il 26 giugno 2005), che vedrà il Torino sì sconfitto per 0-1, ma promosso in Serie A. La promozione conquistata sul campo lascia, tuttavia, ben presto spazio ad una “lunga estate calda”, con il dissesto finanziario della società, l'esclusione dalla Serie A, i lodisti e, infine, l'arrivo di Urbano Cairo. L'estate 2005 porta, altresì, alla pressoché totale “rivoluzione” della lista delle promosse in massima Serie: esclusi i genoani (declassati all'ultimo posto e, quindi, retrocessi in Serie C-1 per via del “caso Genoa-Venezia”), escluso il Toro (che, risorto dopo il fallimento, riparte dalla Serie B, cioè da una categoria in meno a quella nella quale avrebbe dovuto militare), così come il Perugia (anch'esso con problemi societari e costretto a ripartire dalla Serie C-1), sicché in Serie A salgono Ascoli e Treviso. Il Toro resta, quindi, in cadetteria, ma il ritorno nell'Olimpo calcistico nazionale è rimandato di un solo anno, per la precisione all'11 giugno 2006, quando la grande cavalcata dei ragazzi di Gianni De Biasi si conclude in trionfo al cospetto del Mantova (piegato per 3-1 dinanzi ai sessantamila spettatori del “Delle Alpi”). Come è giusto ricordare l'impresa del 2006, è altrettanto giusto rimembrare quella del 2005, sfumata per problemi societari: il Toro è (e probabilmente resterà per sempre) l'unica squadra vincitrice per due anni di fila dei play-off di Serie B. Questa la formazione del Torino “corsaro” in quel di Perugia il 23 giugno di tredici anni fa: Sorrentino, Peccarisi, Giacchetta (dal 35' Mantovani), Mezzano, Carbone, Mudingayi, Codrea, Conticchio (dall'84' Pesaresi), Balzaretti, Pinga, Marazzina (dal 62' Maniero). Allenatore: Renato Zaccarelli.