Nuovo valzer di attaccanti in vista. E può riguardare anche il Toro

25.11.2020 12:10 di Claudio Colla   Vedi letture
Nuovo valzer di attaccanti in vista. E può riguardare anche il Toro
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport

Benché al momento il reparto sia, almeno dal punto di vista quantitativo, ben fornito, con tre interpreti in grado di svolgere il ruolo di prima punta (naturalmente capitan Belotti, insieme a Zaza e Bonazzoli), e almeno altrettanti rifinitori offensivi in senso stretto (Verdi, Millico, Edera), insieme a un numero di trequartisti che può arrivare, anche in questo caso, a tre (Gojak, l'ormai "riconvertito" Lukic, e, se le scelte e le idee di Giampaolo ci dicono qualcosa, potenzialmente anche Daniele Baselli), i vertici di casa Toro, al mercato per il fronte offensivo, non smettono di guardare.

Emerge, in tal senso, l'idea legata a Leonardo Pavoletti. Trentadue anni da compiere domani, per l'ex-Genoa, Sassuolo, e Napoli, che, dopo il lungo infortunio, a Cagliari non sta trovando lo spazio del passato, nemmeno lontanamente. Ancora a secco di gol in campionato, nei soli 104 minuti trascorsi in campo, frutto di sette spezzoni di gara, cinque dei quali dal minutaggio davvero striminzito, dal quarto d'ora in giù. Prospettiva forse più estiva che invernale, a meno che a gennaio uno tra Bonazzoli e Zaza non faccia le valigie, il classe '88 è in cerca di un'ultima esperienza a lungo termine, nel corso della quale ritrovare se stesso e la costante via verso il gol.

Entra in gioco, a tal proposito, il nome di Gianluca Scamacca. Di undici anni più giovane, l'attaccante di scuola Roma, da tempo nel mirino granata, potrebbe già lasciare il Genoa e cambiare aria; specie se portasse a una trattativa concreta il nuovo inserimento, sulle sue tracce, da parte del Milan. Ancora sotto contratto col Sassuolo fino al giugno 2023, un suo addio prima del tempo ai rossoblù liguri potrebbe indurre questi a guardare nuovamente verso lo stesso Pavoletti, trattato brevemente, la scorsa estate, per un possibile ritorno all'ombra della Lanterna. Col Toro, come spesso accade, in mezzo ai suddetti flussi di mercato, in posizione tra l'attendista e l'indefinito.