Milan, ufficiale Kalulu. Riapertura per un laterale rossonero?

06.08.2020 09:58 di Claudio Colla   Vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Milan, ufficiale Kalulu. Riapertura per un laterale rossonero?

Sostenute le visite mediche per il Milan ormai quasi due mesi fa, il 20enne terzino destro Pierre Kalulu è stato annunciato dal club rossonero come nuovo acquisto, in via ufficiale. Proveniente dal vivaio del Lione, il classe 2000 ha siglato un accordo quinquennale col sodalizio di via Aldo Rossi. Colpo interessante, soprattutto per gli appassionati della Serie A ad ampio raggio, e magari anche per i fantacalcisti più audaci. Ma che c'entra col Toro?

Quando un nuovo allenatore si insedia, alcuni tra i primi nomi di mercato a cui si pensa, si sa, sono i suoi "fedelissimi". A volte su espressa richiesta del tecnico stesso, a volte soltanto in via del tutto ipotetica. E che Giampaolo sia in cerca di laterali difensivi, in vista della diaspora interna da un lato, e di obiettivi che rischiano di sfumare dall'altro (Fares, forse anche Vojvoda), non è un mistero. 

La sua esperienza in casa Milan, certo, è stata tutt'altro che felice. Tuttavia, va detto, almeno qualche rapporto inviduale solido, lo stratega nativo svizzero, ma abruzzese di sangue, l'ha sviluppato. Uno di questi, quello con Davide Calabria: impiegato nell'undici titolare con costanza, il classe '96 ha fornito discrete prestazioni, nel corso della gestione Giampaolo. Già accostato al Toro ai tempi di Mihajlovic, Calabria, in primavera, si era avvicinato al Bologna: i felsinei del tecnico serbo sembrano però guardare al momento ad altri obiettivi per il ruolo, uno tra tutti il granata De Silvestri. E, dato che con l'arrivo di Kalulu, che Pioli punta a inserire in rotazione, se la preparazione atletica darà i frutti sperati, uno degli slot occupati al momento da Conti e dallo stesso Calabria dovrà liberarsi, il Toro appare una buona candidata ad accogliere in rosa l'atleta nativo di Brescia. Contratto in essere fino al giugno 2022, valutazione del cartellino intorno ai sei milioni e mezzo di euro, due milioni annui di ingaggio, per il terzino destro ex dell'Under-21 una destinazione come quella granata può rappresentare la svolta necessaria, per passare da comprimario a protagonista.