ESCLUSIVA TG - Degennaro (dg Sion): "Toma al Toro? Mai visti"

Il direttore generale (torinese) del club elvetico smentisce l'interesse granata per il centrocampista, ma i pretendenti sono molti
26.03.2019 14:21 di Federico Danesi   Vedi letture
© foto di Alessio Alaimo
ESCLUSIVA TG - Degennaro (dg Sion): "Toma al Toro? Mai visti"

“Posso confermare che ci sono stati diversi contatti, anche con squadre italiane ma il Toro con me non si è mai fatto vivo”. Marco Degennaro, torinese da anni in Svizzera dove ha maturato esperienze professionali importanti, è il direttore generale del Sion dopo esserne stato ds e sa bene che Bastien Toma sarà un pezzo pregiato del prossimo mercato anche se il suo futuro potrebbe non essere in Serie A.

Degennaro, ormai siete rassegnati a perderlo?

“Come per molti club che puntano sui prodotti del vivaio, sappiamo bene che i ragazzi in vetrina sono appetibili. E Bastien attualmente, anche perché deve compiere vent'anni, è il nostro elemento di punta. Quindi, lo dico a malincuore perché é anche un'ottima persona, a giugno sicuramente andrà via. Ha bisogno di terminare la sua maturazione in un campionato importante, normale che l'abbiano cercato in molti”.

Tra questi quindi il Toro non c'è?

“Almeno fino ad ora no, niente da segnalare. Invece è vero che piace all'Atalanta, loro sono già venuti a vederlo e hanno preso informazioni. Credo che possa essere un testa a testa tra Italia e Germania, forse con la Bundesliga favorita”.

Avete già un'idea della sua valutazione?

“Un giocatore così, soprattutto in prospettiva, vale molto. Credo che oggi possa partite per 8-10 milioni di euro ma sono certo che chi lo dovesse prendere, tra un anno o al massimo due potrebbe venderlo almeno per il triplo del prezzo”.

Lei che lo conosce bene ce lo può descrivere?

“Toma ha un'intelligenza calcistica superiore alla media e infatti pur essendo un centrocampista centrale, recupera molti palloni soprattutto per il suo senso della posizione, sa leggere le giocate degli avversari in anticipo. E negli ultimi tempi ha anche affinato la qualità dei passaggi, è diventato uomo-assist perfetto come ha dimostrato anche di recente con l'Under 21 svizzera. Può giocare sia in mediana che dietro alle punte, è pronto per esplodere”.