ESCLUSIVA TG – Bucchioni: “Toro e Fiorentina rivali sul mercato? Belotti non interessa alla Viola, ma João Pedro e Cragno sì”

05.06.2022 08:00 di Elena Rossin   vedi letture
Fonte: Elena Rossin
Enzo Bucchioni
TUTTOmercatoWEB.com
Enzo Bucchioni
© foto di Federico De Luca

Enzo Bucchioni è stato intervistato in esclusiva da TorinoGranata.it. Bucchioni è giornalista e opinionista in trasmissioni sportive televisive e radiofoniche. Con lui abbiamo parlato della possibile rivalità fra Torino e Fiorentina in sede di mercato.

Belotti in questo periodo è accostato con insistenza alla Fiorentina, ma è un obiettivo di mercato del club viola?

“Tutte le volte che leggo il nome di Belotti accostato alla Viola mi viene da pensare che o non capisco nulla io oppure che ho delle fonti sbagliate, e ci può stare, ma per quello che mi è stato detto l’attaccante del Torino non interessa alla Fiorentina per ben due ragioni. La prima è tattica. Belotti inserito nel contesto di gioco di Italiano potrebbe fare fatica perché è un attaccante che ama gli spazi e se ne hanno pochi quando si gioca con 10 calciatori nella metà campo avversaria come fa Italiano. La seconda riguarda l’ingaggio. Al Torino credo che percepisca 2 milioni e di sicuro non chiederà meno, anzi ne vorrà 3-4 perché sa di valere qualche cosa e la Fiorentina ha come tetto massimo proprio 2 mln e aveva fatto un’eccezione solo per Ribéry, ma non penso proprio che lo farà per altri giocatori. Per cui non capisco come mai Belotti continui ad essere accostato alla Fiorentina, forse sono i procuratoti che mettono in giro questa voce o altri operatori di mercato. Certo che se Belotti si accontentasse di un ingaggio di un milione di euro a stagione e visto che il suo cartellino non costa nulla, in quanto svincolato dal Torino, allora la Fiorentina lo prenderebbe comunque, ma non ci sono queste condizioni per cui non penso che le mie fonti non dicano il vero”.

E per quel che riguarda invece João Pedro?

“Non c’è dubbio che il giocatore del Cagliari João Pedro interessa al Torino e alla Fiorentina, che lo avrebbe preso volentieri già a gennaio quando è andato via Vlahovic. João Pedro rispetto a Belotti ha invece le caratteristiche tecniche per inserirsi nel gioco di Italiano che fa giocare con uno, due tocchi, palla a terra, sovrapposizioni, triangolazioni e metà campo avversaria intasata. João Pedro oltretutto è tecnicamente forte, sa fare l’uno-due, segna anche e può fare pure il centravanti oltre che l’esterno nel 4-3-3. E’ duttile e può persino fare il centrocampista come faceva Castrovilli l’anno scorso che da mezza punta è stato collocato in mezzo da Italiano e ha giocato molto bene. João Pedro è un giocatore interessante, anche se non giovanissimo e la Fiorentina preferisce investire su calciatori più giovani. Ma poi chiaramente dipende da quanto costa il suo cartellino e da quanto chiede d’ingaggio. A tutti questi discorsi però bisogna fare una premessa perché tutto dipenderà dall’incontro che ci sarà mercoledì tra Italiano e i dirigenti della Fiorentina, incontro che servirà per stabilire le linee guida relative ai nuovi giocatori e in generale al mercato. Per quel che riguarda i ruoli c’era già stato un incontro con il tecnico a fine campionato e ve ne sono 5-6 da coprire fra i quali l’attaccante e nel prossimo si parlerà specificatamente di nomi, per essere ancora più chiari sarà stilata la lista della spesa”.

Che lei sappia, Mandragora piace alla Viola?

“Sì dai tempi dell’Udinese, ma di mezzo c’è la Juventus che è proprietaria del cartellino di Mandragora e so che il Torino, anche se non lo ha riscattato vorrebbe tenerlo. La Fiorentina ha la vicenda Torreira in sospeso e anche lui non è stato riscattato a 15 milioni per cui il giocatore è tornato all’Arsenal e l’ostacolo è soprattutto l’ingaggio, in Inghilterra percepiva 3,7, ritenuto troppo elevato dalla Fiorentina che ha un tetto massimo di 2 mln, magari alla fine trovano un’intesa con i bonus, ma la rottura è stata su questo e sullo scontro chiesto all’Arsenal. C’è molta incertezza su Torreira, l’allenatore lo verrebbe, mentre alla società sembra di fare un investimento troppo importante, anche perché è un giocatore che dal punto di vista del peso è leggero e ha faticato in certi momenti della sua carriera, infatti in Inghilterra e in Spagna non giocava quasi mai. L’anno scorso è stato per lui un anno magico, ma qualche dubbio c’è. E se i dirigenti viola non dovessero trovare un accordo con Torreira e l’Arsenal servirebbe un regista che nuova il gioco davanti alla difesa. Mandragora è sempre piaciuto a Pradè ed è uno dei nomi che circolano. Io prenderei Torreira, ma alla Fiorentina pensano che si possa trovare un altro giocatore pagandolo meno”.

Anche per quel che riguarda i portieri il Torino e la Fiorentina potrebbero esser rivali. Le risultano le voci su Gollini, Cragno e Vicario?

“Per quel che riguarda Gollini il discorso, a mio parere, è equivalete a quello fatto per Belotti: non è nelle mire della Fiorentina. L’Empoli dovrebbe riscattare Vicario, a differenza di quanto sembrava a fine campionato. Cragno, per ciò che so io, interessa alla Fiorentina”.