Davor Milito: "Varela? Stupito piaccia al Toro, bravo nella fase offensiva"

16.08.2020 07:04 di Redazione TG   Vedi letture
Davor Milito: "Varela? Stupito piaccia al Toro,  bravo nella fase offensiva"

Nel casting dedicato ai terzini destri il Toro ha selezionato anche Guillermo Varela del Copenhagen. Ai microfoni di torinogranata il parere tecnico di Davor Milito, intermediario e talent scout esperto di calcio danese.

Davor quanto costa Varela e sarebbe adatto al 4 3 2 1 di Giampaolo?

"Onestamente sono sorpreso dell’interesse per un giocatore come Varela da parte del Torino, squadra che potrebbe aspirare a molto meglio. Da quando è al Copenhagen (gennaio 2019) non è mai entrato tra i titolarissimi. Ha 27 anni, terzino dalle doti spiccatamente offensive, ma a volte si mette male con il corpo. Il rapporto esperienza/abilità attuale è troppo sbilanciato verso il basso. Bartolec e Nissen Kristensen sarebbero profili migliori, anche se sicuramente più onerosi. Per lui sborserei al massimo 3 milioni, non un Euro di più.... forse qualcuno di meno semmai. Adatto o meno al modulo di Giampaolo? Sulla carta sì, in pratica molto meno"

Con che modulo gioca nel club danese?

"Gioca da terzino destro in un 4-4-2, quindi un modulo che richiede movimenti al terzino totalmente diversi rispetto a quelli che dovrebbe avere un esterno basso nel 4-3-2-1. Mi ripeto, un Nissen Kristensen del Salisburgo è tutta un’altra cosa!"

In passato hai collaborato con agenti FIFA danesi. Ora di cosa ti stai occupando?

"Sì, con loro sono ancora in contatto ed ho ottimi rapporti. Ad ora mi sto concentrando più su altri aspetti del calcio, come ad esempio una sorta di lavoro di “web-editoria” dato che lavoro sodo al mio canale YouTube dal nome *Davor Virgo* in qualità di content creator. Un’esperienza nuova che mi dà modo di trattare il calcio sotto altri aspetti e discutendone con la community. Ritornare nel mondo calcistico è ovviamente un mio obbiettivo, ma dipende dalle opportunità che mi si presenteranno davanti e da come cambierà il calcio da qui in avanti, essendo un mondo in continua evoluzione e purtroppo spesso cambia in peggio. YouTube per me ora rappresenta un ottimo veicolo per parlare di qualcosa che amo mettendo facendo, parzialmente, fruttare la mia esperienza nel mondo calcistico"