Cairo diffidato, Nicchi irridente. Che calcio è questo?

19.03.2014 17:58 di Marina Beccuti   vedi letture
Cairo diffidato, Nicchi irridente. Che calcio è questo?
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport

Che sarà mai un'ammonizione con diffida per il presidente Urbano Cairo reo di aver inveito contro l'arbitro lunedì sera? E se dopo la diffida arriva la squalifica che si fa, gli si vieta di entrare nello stadio Olimpico dove paga l'affitto per far giocare i suoi? Effettivamente la sanzione disciplinare di Tosel fa un po' ridere, ma in realtà irrita, perchè gli arbitri continuano a sbagliare, lo fanno da sempre, non hanno lo stesso comportamento con tutte le squadre e rovinano le stagioni a qualcuno, e chi paga, il presidente gli stipendi e le spese, i tifosi lo stadio o l'abbonamento tv, non può nemmeno protestare. Ma che autorità hanno gli arbitri?

Il presidente dell'AIA Nicchi si è permesso anche di prendere in giro con questa frase: "Episodio sul goal di Higuain? Non mi sembra una cosa catastrofica''. Con frasi del genere è dura rimanere calmi e Cairo sicuramente mastica amaro se poi davanti ai media predica calma. E' catastrofico invece, uno perchè questo personaggio non è abile a rappresentare la classe arbitrale, perchè dovrebbe avere la decenza di ammettere certi errori e chiedere scusa, non solo, ma facendo una predica ai suoi perchè certi errori non siano così di parte. Non vorrei mai che il lunedì quando si trovano a Coverciano festeggino a champagne.

Intanto però si è favorito il Napoli che deve stare terzo o secondo, insieme alla Roma. Poi c'è da sistemare l'Inter, come la mettiamo? In Champions sarà dura, ma per la Europe League è possibile. Per il Milan, ora come ora, è dura, ma senza coppe il club rossonero può rifondarsi. Insomma pilotare un campionato è abbastanza facile con gli arbitri a disposizione per gestire il risultato con gol viziati da fallo convalidati, con rigori dati o non dati, ammonizioni, espulsioni e così via. E' vero Higuain è veloce ma come caz. ops, scusate, ha fatto a cadere in quel modo Glik? Era ubriaco? Troppo stanco? Gli è venuto improvvisamente un giramento di testa (di palle sicuramente dopo)? Non c'era nemmeno il terreno scivoloso in quanto è da giorni che a Torino non piove. Insomma tu arbitro hai il potere di prendere le tue decisioni, ma a me non prendi in giro, chiaro? E scusa se esagero, ma te lo dico anche in faccia che non ho fiducia in te. E non credo nemmeno nella compensazione, siamo arrivati a ben oltre metà campionato e le cose mi sembrano ancora ben lontane dall'essere risolte.