Juventus, Allegri: "Il Toro ti costringe a giocar male. Davanti riposa Dybala, dentro Neto e Rugani"

15.12.2015 14:29 di Claudio Colla   vedi letture
Juventus, Allegri: "Il Toro ti costringe a giocar male. Davanti riposa Dybala, dentro Neto e Rugani"
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Intervenuto in conferenza stampa da Vinovo, Massimiliano Allegri ha parlato del derby di domani e, ad ampio raggio, della situazione di casa Juventus: "Sarebbe un traguardo importante riuscire a vincere due Coppa Italia di seguito. Non ci accade dalla fine degli Anni '50. E inoltre è pur sempre un derby: loro, come noi, tengono molto a questa partita e bisognerà essere molto bravi. E’ una gara che va aggredita, contro una squadra che ti fa giocar male, non ti concede spazio, non ti viene incontro: bisognerà quindi essere molto bravi.

Straordinari a centrocampo? No, c’è da giocare una partita importante. Gente come Marchisio ha fatto poche gare, e poi più gioca più entra in condizione. Ieri Hernanes ha fatto quasi tutto con la squadra, vedremo se domani sarà a disposizione o meno, oppure fargli fare lavoro supplementare in vista di Carpi. Per quanto riguarda Lemina, ieri è andato a Barcellona a farsi vedere per il problema ai tendini; Pereyra sta facendo il percorso di riabilitazione, e lo vedremo nell’anno nuovo; Asamoah in questo momento dopo ogni partita giocata per intero ha qualche problematica al ginocchio, e quindi va gestito. Bisogna vedere di volta in volta, è un giocatore che non può giocare più match di seguito per ora.

Domanii giocheranno Neto e Rugani. Poi vedrò come stanno i tre difensori che hanno giocato finora, e deciderò se utilizzarne uno o due. Tecnicamente Rugani può giocare a centrosinistra o anche a centrodestra: domani sarà pronto. In attacco potrebbe riposare Dybala, visto che ha giocato molte partite, ma rimane comunque a disposizione. Giocheranno due tra Mandzukic, Zaza e Morata. Stanno tutti bene, chi gioca domani farà bene sicuramente. Cuadrado? Juan ha fatto bene contro i Viola, così come tutta la squadra: se non sarà della partita sarà un cambio importante. Soprattutto domani ci può essere il pericolo dei supplementari. Ventura? Ha fatto un’ottima carriera: rimanere su una panchina come quella del Toro per cinque anni di seguito non è facile. Le sue squadre hanno giocato sempre molto bene, ed è stato una fortuna per i giocatori che ha avuto.

Tutta la squadra sta attraversando un buon periodo e di questo sono molto contento. Da gennaio in poi bisognerà farsi trovare pronti nelle migliori condizioni fisiche. Il discorso scudetto è ancora  aperto per tutte le squadre che stanno inseguendo l’Inter, anche se i nerazzurri rimangono i favoriti. La partita di Carpi sarà molto importante, perché saremo obbligati a vincere. 

Ottavi di Champions contro il Bayern? Bisogna essere anche fatalisti: cerchiamo di vedere il lato positivo. Se dovessimo passare col Bayern, avremmo la possibilità di crescere in autostima, e diventare una delle favorite. Quando giochi in Champions e arrivi all’ottavo è normale affrontare grandi squadre. In quel momento dovremo essere pronti, ma è ancora lontano, e dobbiamo concentrarci sul campionato prima di arrivare al 23 febbraio/16 marzo; bisogna nel frattempo rimanere attaccati al treno della vetta, e acchiappare chi ci sta davanti nella cronometro nel rush finale di campionato".