Veterani con valigia a gennaio? Tanti i potenziali addii

08.11.2021 09:22 di Claudio Colla   vedi letture
Veterani con valigia a gennaio? Tanti i potenziali addii
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Che Ivan Juric, con la coadiuvazione della dirigenza granata, abbia dato una decisa svecchiata all'organico - a partire da quel centrocampo, reparto in assoluto più deficitario in casa Toro lungo il passato, mesto biennio, - è poco, ma sicuro. Una squadra rivoluzionata, che, al di là del passo falso di sabato sul terreno dello Spezia, ha mostrato di saper fare a meno di tanti elementi resisi comunque importanti, almeno a tratti, lungo i passati campionati; in particolare nel felice 2018/19 a guida Mazzarri, l'ultimo Toro capace di fornire al proprio pubblico un'adeguata continuità nei risultati positivi. Aspetto sul quale, senza dubbio, la pur brillante compagine targata Juric dovrà ancora lavorare, e molto.

Il generale Tomàs Rincòn (in foto), a causa delle molteplici assenze in organico, ha potuto beneficiare di un'occasione, due giorni fa, per rendersi quanto meno una valida alternativa, di cui servirsi all'occorrenza, agli occhi del tecnico. La discontinuità d'impiego, d'altra parte, porta quasi sempre a un rendimento misero di soddisfazioni; basse le motivazioni, almeno apparentemente scarso il feeling col tecnico, che le strade, dopo quattro anni e mezzo possano dividersi, non è una chimera.

Sorte analoga potrebbe toccare a Daniele Baselli, oltre naturalmente ad Armando Izzo, e a Simone Zaza. Tutti intorno ai trenta, ognuno bramoso di rimettere in carreggiata la propria carriera: partire, e ripartire altrove, a volte, è davvero l'unica scelta plausibile e percorribile. Tutti giocatori dall'ingaggio oltretutto importante, specie rispetto alle finanze di casa Toro: eccezion fatta, almeno in parte, per Izzo, si tratta di elementi con poco mercato, che la società potrebbe lasciar anche partire gratuitamente o quasi, pur di scaricarne gli emolumenti, e di far spazio in rosa a nuove leve, scelte e volute da Juric stesso.