Valdifiori: "Ci sono i presupposti per fare una bella annata"

08.09.2016 15:32 di Marina Beccuti Twitter:    vedi letture
Valdifiori: "Ci sono i presupposti per fare una bella annata"
© foto di Alex Bembi

Mirko Valdifiori è stato presentato questa mattina dal direttore sportivo del Torino Gianluca Petrachi, che ha ammesso una trattativa lunga e difficile, ma alla fine il centrocampista è arrivato, un giocatore che il club granata voleva già l'anno scorso.

"Grazie a tutti per avermi voluto, dal presidente al direttore e al mister. Voglio ripagare la tanta fiducia riposta nel sottoscritto. E' stata una lunga trattativa, ma ora è importante essere qui. Sono felice di essere in questa squadra, dove darò il massimo impegno per essere a disposizione del mister e dei miei compagni già per domenica".

Entrando nell'estenuante trattativa, Valdifiori ha sottolineato: "A volte in queste cose ci sono molti aspetti da valutare, che non dipendono dal giocatore, l'importante è che ora sono qui e posso indossare questa maglia per i prossimi tre o quattro anni. Un po' di timore c'era che non andasse in porto il mio passaggio al Torino, essendosi chiusa la trattativa negli ultimi giorni. Da parte del Torino c'era fiducia, ma può sempre accadere di tutto. E' stata una giornata intensa, un po' lunga".

Parlando del suo passato al Napoli Valdifiori ha aggiunto: "Sarri non mi ha fatto promesse, mi sono messo a disposizione della squadra, ho giocato le prime partite poi la situazione è cambiata, ma ho rispettato le scelte dell'allenatore. Il grande campionato di Jorginho ha fatto il resto, chiaro che in me c'è quella rabbia dentro di mettermi in discussione e spero di farlo qui con il Torino".

"C'è un grande stimolo e molta responsabilità nell'essere qui, il posto me lo devo guadagnare lavorando durante la settimana. Il primo approccio è capire i concetti dell'allenatore, i compagni mi stanno dando una mano, per gli infortuni mi dispiace, più siamo meglio è. La squadra è carica e si allena al massimo. Miha mi ha fatto capire i suoi metodi, adesso devo ripagarlo sul campo. Nazionale? Due anni fa ho esordito in azzurro, ma prima devo fare bene a Torino, poi se arriverà una chiamata ben venga.

Sul discorso Europa Valdifiori sembra essere possibilista: "Bisogna fare il massimo in ogni partita, i presupposti ci sono per fare una bella annata, sono fiducioso".

Sul suo ruolo ha specificato: "Il mister ed io siamo concentrati sul ruolo di regista, non credo di giocare da trequartista, il mio compito è stare davanti alla difesa. Gol? Segnare fa piacere a tutti, non l'ho ancora fatto in A, speriamo arrivi con questa maglia".