Toro-Samp: più che un duello, un'epopea. Ma Kamano è una manna

13.08.2019 15:34 di Claudio Colla   Vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Toro-Samp: più che un duello, un'epopea. Ma Kamano è una manna

Perché Toro e Samp, escluse le stagioni in cui le separa un notevole status dato dalla posizione di classifica conseguita a maggio, si trovano spesso a competere sugli stessi obiettivi di mercato? Come suggeriscono da secoli la letteratura, il teatro, il cinema, spesso i profili di protagonista e antagonista, specie quando il primo cammina sul filo che divide l'eroe dall'antieroe, si ritrovano a fronteggiarsi l'un l'altro proprio in quanto simili per risorse, dimensione morale, scelte, rimpianti, rimorsi. Analogamente, granata e blucerchiati tendono spesso a condividere prospettive e sondaggi per un'intrinseca similitudine/rivalità: dall'ambiente alla capacità di spesa, dal calore delle rispettive tifoserie alle aspettative dell'una e dell'altra piazza, dagli obiettivi di classifica all'attrattiva esercitata nei confronti dei giocatori nel mirino, passando per il monte ingaggi.

Il solito duello, così, si è riproposto anche quest'estate. Con Simone Verdi, come nelle grandi kermesse musicale, sul main stage, e una serie di altri nomi a sfilargli davanti: da Emiliano Rigoni all'altro partenopeo Adam Ounas, passando per François Kamano. E proprio la stella guineana del Bordeaux di Paulo Sousa, che oltre ai due club italiani è stato accostato anche al Siviglia, potrebbe essere il nuovo rifinitore d'attacco di casa Samp, tra un Gabbiadini finora fuori ruolo, e un Gastòn Ramirez fino all'ultimo in potenziale uscita: stando a Sky Sport, i club avrebbero trovato l'accordo per il passaggio di Kamano in Liguria, sulla base di un prestito con diritto di riscatto, fissato a 11 milioni di euro. Mancherebbe il sì del giocatore, ma, per dirla all'americana, it looks good. E qualora Kamano arrivasse, insieme, dallo Zenit, al succitato Rigoni, per la Samp il mercato in entrata d'attacco potrebbe considerarsi chiuso, stato di cose che toglierebbe l'ultimo ostacolo alla chiusura dell'affare che (ri)porterebbe Verdi in maglia granata. Resiste l'opzione del prestito biennale, oneroso (10 milioni di euro in totale), con diritto di riscatto ammontante ad altri 10 milioni. Tutti soddisfatti, Napoli incluso, specie nel momento in cui chiuderà per Lozano dal PSV. Ma l'epopea Toro vs. Samp continua, in attesa di un nuovo, avvincente capitolo.